DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Settembre 29, 2018

Redazione DonnaWeb

Giornalista televisivo si trucca ogni giorno per non "distruggere" la sua carriera - davanti alla telecamera è un'altra persona

Molte volte ci lamentiamo quotidianamente di piccole cose che accadono intorno a noi e ci chiediamo perché? Non capiamo che spesso le cose hanno sempre un motivo per esistere.

Ma Lee Thomas ha imparato così bene da ciò che gli è successo che è riuscito ad avere successo nonostante la sua strana condizione , lo stesso come inizialmente pensavo fosse solo un sintomo di stress, è invece diventato un vero e proprio incubo che ha rovinato il suo volto per sempre.

Lee Thomas

Pubblicità

Il nostro aspetto fisico è quasi sempre la nostra lettera di presentazione, che è un grande ruolo nella società e anche se molti pensano che in alcune persone se c'è la perfezione come nelle celebrità o celebrità, questo è totalmente falso e ci sono anche quelli che lo hanno ammesso.

Ma non sono gli unici a conoscenza di ciò che hanno ma anche delle persone " normali" , per così dire. Soprattutto il giornalista televisivo Lee Thomas si preoccupa in modo particolare del suo aspetto fisico, il potente motivo gli è valso il rispetto, l'ammirazione e l'affetto del pubblico.

Lee Thomas

Dopo che gli è stata diagnosticata una vitiligine al volto, il cinquantenne  giornalista ha affrontato una dura battaglia con l'aspetto della sua pelle, in quanto questa condizione gli fa perdere la pigmentazione, che gli crea grandi macchie bianche sul corpo.

Lee ha scoperto la sua malattia visitando un barbiere quando aveva 25 anni.

"Quando il barbiere ha terminato il suo lavoro, mi ha chiesto di dare un'occhiata, gli ho detto che avevo tagliato troppo ma ha detto che avrei dovuto guardare meglio la macchia sulla pelle dietro la mia testa, " commentò Thomas. .

Thomas confessò di non aver mai visto quella macchia prima e consultò rapidamente sua madre, che gli disse che era solo un sintomo di stress , che avrebbe dovuto riposare meglio, ma quando l'uomo cominciò a calmarsi, osservò che molte altre macchie apparvero sul suo corpo.

Lee Thomas

¨ Ho avuto più macchie intorno a quello che avevo già, oltre a un germoglio nelle mie mani, nell'angolo della mia bocca, il ponte del mio naso e tra le mie braccia, sicuramente qualcosa non era giusto ¨ , disse Lee.

Per indecisione, Thomas ha lasciato trascorrere un anno fino a quando non si è rivolto a un professionista per risolvere il suo problema. Stava lavorando a New York e ha chiesto un'ora per andare dal medico, poi gli è stata diagnosticata la vitiligine, il medico ha anche detto che ha avuto un trattamento ma non cura e che col tempo il colore della sua pelle cambierebbe di più.

Lee confessa che in quei momenti l'unica cosa a cui poteva pensare era che la sua carriera, che a suo parere, sarebbe finita con la sua sofferenza, in fretta la sua testa cominciò a pensare alle opzioni di lavoro.

Fortunatamente, Lee non si è arreso e non ha lasciato che questa malattia finisse la sua carriera, confessa che c'erano molte persone che lo hanno spinto a non arrendersi e andare avanti.

Lee Thomas

Inizialmente, il giornalista ha deciso di nascondere la sua condizione ma la malattia è progredita molto rapidamente, quindi ha preferito che la gente venisse a sapere della sua malattia per pensare che fosse antigienica, così ha smesso di coprirsi le mani.

"In alcune interviste le persone con cui sto parlando hanno notato le mie mani o il mio trucco, quindi si prendono il tempo per parlare di me. In un'intervista il tempo va dai 5 ai 10 minuti e onestamente non voglio prendere neanche un paio di minuti per parlare di me ", ha detto il giornalista.

Ora l'uomo non solo ha superato la sua malattia, si sente orgoglioso di essere riuscito ad andare avanti. Di solito tiene lezioni su questa malattia e ogni anno, durante la Giornata mondiale della vitiligine, viene mostrato davanti alla telecamera senza una goccia di trucco.

Nel 2007 ha scritto un libro dal titolo "Turning Bianco: A Memoir of Change" ( Turning Bianco: cambia memoria ) dove ha documentato l' intero processo della malattia.

Lee Thomas

"Sono giunto alla conclusione che questa malattia mi ha reso l'uomo che ho sempre voluto essere. Mi considero una persona rispettosa, onorata, compassionevole, un buon padre, fratello e cittadino, e sono più empatico di quanto avessi mai immaginato ", ha concluso Lee Thomas.

Sicuramente uno è più felice quando accetta se stesso così com'è e ignora le critiche, i commenti e i pregiudizi degli altri.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram