Gessica Notaro: confermata la condanna a Edson Tavares

La vicenda Gessica Notaro è finalmente volta al termine.

La Corte di Cassazione ha condannato Tavares confermando i  15 anni, 5 mesi e 20 giorni di reclusione inflitta dalla Corte di appello di Bologna per  Edson Tavares, l’ex compagno della showgirl riminese Gessica Notaro.

Ricordiamo i fatti:  il 10 gennaio 2017 a Rimini, Edson Tavares 32enne di origine capoverdiana, ha aggredito Gessica Notaro sotto casa di lei lanciandole dell’acido che ha provocato ingenti danni a Gessica.

Secondo i giudici di secondo grado la violenza con l’acido è la “plastica rappresentazione di una meditata, ferma volontà di punire per sempre la vittima, privandola non solo della sua speciale bellezza, ma della sua stessa identità, così da cancellarla agli occhi di chiunque, non potendola ‘possedere’ egli stesso”.  La condanna è per l’aggressione e anche per stalking  perpetrato per un lungo periodo

Anni difficilissimi costellati da interventi chirurgici, di udienze, di tante difficoltà psicologiche.

Oggi Gessica Notaro si occupa di donne maltrattate, e durante la giornata contro la violenza sulle donne  ha inviato un commovente messaggio: “Mai lasciarsi prendere dai sensi di colpa, mai avere vergogna, né paura, perché quello della violenza è un problema della società intera e di soluzioni, anche quando sembra davvero difficile, ce ne sono”.

Ora Gessica considera la storia finita. “È una storia finita, ora forse posso rilassarmi“. Il verdetto emesso dalla Corte di Appello di Bologna il 15 novembre del 2018 è un verdetto definitivo: l’aggressore di Gessica è in carcere e lei può continuare la sua vita e la sua attività in difesa delle donne che subiscono violenze. Lei che è l’esempio concreto di come la bellezza di una donna, la bellezza vera, non si perda nemmeno con il meschino e criminale tentativo di annullare l’identità. E Gessica è sempre bellissima.