Sign in / Join

Essere genitori è un’arte, leggete e riflettete

Essere genitori ha delle responsabilità, i bambini, i figli, vedono i comportamenti che assumono e li imitano, trovano esempi da seguire e infondere i valori giusti li aiuterà a crescere in modo sano e rispettoso del mondo.

Di seguito potete leggere un estratto di un libro di Denis Sonet, che spiega cosa vuol dire essere genitori, definendo l’esperienza come “arte”. Buona lettura.

“Di quali valori si tratta?
Il primo compito, per i genitori, consiste nel chiedersi se i valori che voglionotrasmettere siano veri valori.
Su che cosa si insiste? Sul profitto scolastico? Su un lavoro redditizio? Sul raggiungimento di una vita tranquilla, in cui non ci si occupi degli affari degli altri? I valori economici contano più dei valori morali?
Quali progetti abbiamo per i nostri figli? Progetti di successo economico, che non comportino rischi, né generosità?
Ci preoccupiamo di essere o di apparire?
Vogliamo figli che ci facciano onore o figli moralmente solidi, anche se vanno controcorrentee chissà che cosa dirà qualcuno?
Possiamo giustificare le nostre scelte morali, la scelta dei valori?

L’essenziale è l’amore!
Il bambino attribuisce alle cose il valore o l’importanza che i suoi genitori danno loro.Questi ultimi devono dunque avere il senso delle proporzioni e non attribuire a ciò che è accessorio l’importanza dell’essenziale.
L’essenziale è la carità, l’amore… Il primo comandamento che contiene tutti gli altri.
Tutte le volte in cui è possibile, fate partecipare i vostri figli alla vostra generosità («Va’ a portare una fetta di torta alla signora anziana che abita di fronte»).
Diffidate delle parole egoiste: «Ne ho abbastanza di dare… Ma no, non regalare la tua bella bambola, regala piuttosto l’orsacchiotto vecchio!».

È fondamentale essere autentici e coerenti!
È fondamentale che i genitori facciano ciò che dicono. Dire a un bambino: «Imbecille, rispetta tua sorella» significa emettere un segnale duplice… e íl bambino si perde.
Non è coerente proibire a un bambino di dire le parolacce che i suoi genitori usano! Il bambino infatti è logico:
«Gli adulti sono nervosi, ma vogliono che i bambini siano calmi» (9 anni).
«Mi dicono che sono viziato: allora perché mi viziano?».
Ciò non significa che occorra essere perfetti: è possibile avere debolezze, ma occorre riconoscere e dimostrare che si cerca di progredire.

È bene saper accogliere gli aspetti migliori del proprio figlio
È bene non calpestare troppo in fretta i valori che sono in lui. I nostri figli sanno essere generosi e possono avere ideali, quali la sincerità, l’amore per la libertà, la tolleranza, il senso della natura, ecc.
Prima di imporre a vostro figlio le vostre idee preconfezionate, potete dirgli che cosa ammirate in lui. Forse voi stessi cambierete in meglio, grazie a lui !

Vivere i nostri valori nella gioia
È attraente solo ciò che vivete nella gioia. I valori che «risplendono» maturano, infondono il desiderio di essere imitati. Se fate la morale tutto il giorno, il vostro bambino o adolescente avrà voglia di scappare. Con la costrizione non si ottiene nulla!
AGITE!…
Dopo la riflessione, l’azione concreta e positiva è possibile di fronte al proprio figlio.

Riconoscete le qualità dei vostri figli!
Il bambino vive sempre cose belle e degne di ammirazione, perché ci ha imitati o perché ha trovato ricchezze in altri.
È opportuno anche che i genitori pensino a dire al proprio figlioquali sono le sue qualità. Il bambino non sempre ne è cosciente.
«Apprezzo la tua delicatezza con tuo fratello disabile…».
«Sei possessivo, vuoi tutto, forse in te più che in altri c’è una sete di Dio, perché tutto è Dio, no?» (così, anche quello che si definisce difetto nasconde spesso una qualità).
«Dici che vuoi diventare infermiera. Perché? Ti piacerebbe curare gli altri, aiutarli…?» (dietro ogni scelta riguardante il lavoro, individuare i valori che il figlio cerca).
Quando si ascolta un bambino con attenzione, ben presto si scorge,dietro ogni frase che pronuncia, la presenza di una o più qualità. Mostrate che le avete viste.”

Fonte: http://blog.pianetadonna.it/l67/l-arte-di-essere-genitori-da-leggere/

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi