DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Giugno 5, 2019

Redazione DonnaWeb

Ecco perchè è importante insegnare ai bambini a dire "Grazie" "Buongiorno" "Per favore"

Trasmettere ai bambini l'importanza di dire grazie, di "chiedere per favore" o di dire "buongiorno" o "buon pomeriggio", va oltre un semplice atto di cortesia. Stiamo investendo nelle emozioni, nei valori sociali e, soprattutto, nella reciprocità.

Per creare una società basata sul rispetto reciproco, in cui la civiltà e la considerazione facciano la differenza, è necessario investire in quei piccoli costumi sociali, ai quali a volte, non paghiamo l'importanza che meritano. Perché la coesistenza si basa alla fine sull'armonia, in quelle interazioni di qualità basate sulla tolleranza, in cui ogni bambino dovrebbe iniziare sin dalla tenera età.

Un errore a cui molte famiglie spesso cadono è di iniziare i bambini in queste regole di cortesia quando i più piccoli iniziano a parlare. Ora, è interessante sapere che il "cervello sociale" di un bambino è tremendamente recettivo a qualsiasi stimolo, tono di voce e persino espressioni facciali di suo padre e sua madre.

Pubblicità

Che ci crediate o no, possiamo educare un bambino ai valori sin dai primi anni. Le loro abilità sono quasi insospettate e dobbiamo trarre vantaggio da questa grande sensibilità nelle questioni emotive. Ne parliamo.

I neuroscienziati ci ricordano che il sistema neuronale di un bambino è geneticamente programmato per "connettersi" con gli altri . È magico e intenso. Anche le attività più abituali come l'alimentazione, il bagno o la medicazione diventano impronte nel cervello che prefigurano in un modo o nell'altro la risposta emotiva che il bambino avrà in futuro.

Il design del nostro cervello, per così dire, ci fa sentire inesorabilmente attratti a turno da altri cervelli, dalle interazioni di tutti quelli che ci circondano. Così, un bambino che viene trattato con rispetto e che da giovane si è abituato a sentire la parola "grazie", capirà presto che si trova di fronte a un rinforzo positivo di grande potenza e, senza dubbio, si svelerà a poco a poco.

E 'molto probabile che un bambino di 3 anni il cui padre e la madre hanno insegnato a dire grazie voi , si prega , o buon giorno, continua a non capire molto bene il valore della reciprocità e il rispetto  che pervade queste parole. Tuttavia, tutto ciò crea un substrato adeguato e meraviglioso in modo che dopo le radici forti e profonde.

Dopotutto, l'età magica tra i 2 ei 7 anni è quella che Piaget chiamava "palcoscenico intuitivo di intelligenza". È qui che i bambini, nonostante siano subordinati al mondo degli adulti, gradualmente si risvegliano al senso del rispetto, per intuire quell'universo che va oltre i propri bisogni per scoprire empatia, senso di giustizia e Certo, reciprocità.

Reciprocità, un valore sociale di peso

Quando un bambino scopre finalmente cosa succede nei loro contesti più vicini quando chiede delle cose e conclude con un grazie, nulla sarà lo stesso. Finora, lo ha portato come una norma prosociale governata da adulti, qualcosa che gli ha dato un rinforzo positivo per il suo buon comportamento.

Tuttavia, prima o poi sperimenterai l'effetto autentico di trattare un uguale con rispetto e come quell'azione a sua volta ritorni a se stesso. E 'qualcosa di eccezionale, un comportamento che deve accompagnare per sempre, perché si tratta di rispetto per gli altri è a rispettare se stessi , è per agire secondo i valori e il senso di convivenza basata sul peso pilastro sociale ed emozionale: la reciprocità .

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram