È stato abusata dal patrigno per 5 anni – Ma una banda di motociclisti cambierà per sempre la vita della donna

Questa storia inizia in modo molto triste – racconta qualcosa che nessuna bambina dovrebbe mai vivere. “Laura”, ribattezzata per motivi di sicurezza, aveva solo 10 anni quando iniziò il suo incubo

“Laura” era una bambina felice, vivace e coraggiosa. Ma quando sua madre si risposò dopo il divorzio, le cose cambiarono rapidamente nella direzione sbagliata.

Foto: Youtube / Yahoo

“Laura” aveva solo 10 anni quando il suo patrigno iniziò a picchiarla, oltre ad abusarla e violentarla

Foto: Youtube / Yahoo

A causa della sua sofferenza, “Laura” iniziò ad avere molti problemi fisici e mentali. Smise di mangiare ed era costantemente spaventata da tutto ciò che la circonadava.

È stato un momento orribile nella mia vita. Mi sono arresa e penso che tutti se ne siano accorti, “dice Laura” in un’intervista a Yahoo.

Foto: Youtube / Yahoo

Un segno di svolta

Tuttavia, “Laura” era sempre stata una giovane donna molto forte e potente dentro di sé, e alla fine trovò la forza e il coraggio per porre fine alle sue sofferenze.

All’età di 12 anni, ha finalmente osato dire a sua madre cosa le aveva fatto il patrigno. La madre lo ha immediatamente denunciato alla polizia, ma i procedimenti legali sono iniziati solo tre anni dopo.

Foto: Youtube / Yahoo

Sebbene la verità fosse stata rivelata e il suo patrigno fosse stato arrestato, “Laura” e la sua famiglia non si sentivano al sicuro.

“Laura” ha cercato di prepararsi spiritualmente per testimoniare contro il suo patrigno in tribunale, ma si sentiva insicura. Era spaventata e soffriva di insonnia.

Non osava togliersi i vestiti mentre faceva la doccia, assicurandosi costantemente che tutte le porte e le finestre fossero chiuse. Quando riusciva a chiudere gli occhi per dormire riuscito a ottenere un sogno, subiva incubi terribili.

A quel tempo, incontrò un uomo facente parte di una banda di motociclisti chiamata “Pietra tombale (Tombstone)”.

Foto: Youtube / Yahoo

Tombstone faceva parte della banda BACA di Los Angeles chiamata Bikers Against Child Abuse. Il nome è tradotto liberamente come “automobilisti contro l’abuso di minori”.

La missione dell’organizzazione no profit è quella di proteggere i bambini e le famiglie dagli abusi: possono, ad esempio, sorvegliare la casa, partecipare alle sessioni del tribunale oppure aiutare i bambini con le terapie.

Foto: Youtube / Yahoo

L’organizzazione fornisce al bambino vittima di abusi e molestie un numero di telefono da chiamare 24 ore al giorno quando ne ha bisogno.

Nel caso di “Laura”, i membri del BACA sorvegliavano la loro casa 24 ore al giorno in modo che lei e la sua famiglia potessero dormire in pace e sicurezza.

Foto: Youtube / Yahoo

Il fatidico giorno è arrivato

Quando “Laura” fu finalmente pronta per andare in tribunale per testimoniare contro il suo patrigno, arrivarono gli automobilisti.

Non intendevano lasciare che la ragazza restasse sola nella testimonianza davanti al processo in cui si trovava di fronte l’uomo che aveva distrutto la sua infanzia.

Foto: Youtube / Yahoo

Dopo aver ricevuto il sostegno di un folto gruppo di motociclisti forti e barbuti, “Laura” ha raccolto il suo coraggio per dire alla corte ciò che ha dovuto provare nella sua orribile infanzia.

Grazie alla sua testimonianza, il suo patrigno ha ricevuto una lunga pena detentiva.

I nuovi amici non hanno abbandonato “Laura” dopo che la causa era finita. Oggi sono come una famiglia per lei.

Foto: Youtube / Yahoo

All’inizio, i motociclisti l’ hanno portata a scuola e sono ancora in contatto oggi. Quando la donna si laureò, i membri del BACA vennero alla festa molto felici.

Foto: Youtube / Yahoo

Grazie all’aiuto dell’organizzazione BACA, si è ripresa bene dagli eventi scioccanti della sua infanzia.

Oggi “Laura” ha cercato di lasciarsi alle spalle il passato, ma vuole ancora raccontare la sua storia per rendere omaggio tutti quegli uomini che l’hanno sostenuta nel momento più spaventoso della sua vita.

Guarda il video di “Laura” qui sotto:

Condividi l’articolo su Facebook se vuoi che gli altri sappiano del lavoro altruistico di questi uomini coraggiosi per gli altri.