DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Novembre 4, 2018

Redazione DonnaWeb

Dopo essere sopravvissuta al suicidio della madre, Yazmina Howard 15 anni dopo commette un gesto estremo

Per il mondo esterno, la diciottenne Yazmina Howard aveva tutto per cui vivere. Una giovane donna premurosa con un talento per l'arte, non è mai stata nei guai e si è divertita a passare le serate a mangiare la pizza con i suoi amici.

"Non è mai andata a bere o a fare un giro in discoteca e non abbiamo mai dovuto preoccuparci di dove fosse", ricorda la nonna defunta nonna Janet Howard. "Era una bella ragazza dentro e fuori".

Ma la breve vita di Yazmina era già stata sconvolta da un trauma impensabile. Quando aveva solo tre anni, sua madre Maxine si è immersa oltre 100 piedi fino alla morte dal suo appartamento a Maidstone, nel Kent, mentre teneva in braccio Yazmina. Yazmina sopravvisse, ma 15 anni dopo, il 1 ottobre 2018, saltò da un ponte sopra l'autostrada vicino a casa sua si tolse la vita.

Pubblicità

Quando la notizia della morte di un adolescente raggiunse i parenti, sua zia Michelle Sayers ha preso su Facebook per annunciare la tragica notizia.

"Per coloro che conoscevano mia sorella Maxine, la sua bellissima figlia Yazmina è ora con lei, gli angeli insieme", ha scritto.

I nonni di Yazmina - i genitori di Maxine - sono a pezzi da una doppia tragedia insondabile.

 La breve vita di Yazmina Howard era già stata assalita da un trauma impensabile

SWNS: SOUTH WEST NEWS SERVICE
13
La breve vita di Yazmina Howard era già stata assalita da un trauma impensabile
 I nonni di Yazmina - I genitori di Maxine - Michael e Janet sono lasciati a pezzi da una doppia tragedia insondabile

SWNS

"Mia moglie sta davvero lottando per farsi forte", dice il bisnonno devastato di Yazmina, Michael Howard, 7 anni. "Tre o quattro settimane [prima della sua morte], Yazmina ha detto che le mancava la mamma, ma non aveva ricordi di lei perché era molto piccola quando è successo ".

Infatti, secondo Michael, sua nipote parlava raramente di sua madre, che aveva appena 33 anni quando morì il 1 agosto 2003. Quali ricordi aveva Yazmina di Maxine e quella notte erano stati ricuciti insieme da conversazioni familiari e rapporti che lei aveva letto online nel corso degli anni.

 Tributi floreali partirono per Yazmina Howard dopo la tragica morte nel Kent

SWNS
13
Tributi floreali partirono per Yazmina Howard dopo la tragica morte nel Kent
 'Yazmina ha detto che le mancava la mamma, ma non aveva ricordi e non la conosceva mai veramente perché era così giovane quando è successo', dice suo nonno

Ha scoperto che nel 1996 sua madre aveva perso il figlio primogenito Ryan a causa di una malattia devastante quando era piccolo. Poi, quando Yazmina era una, Maxine si separò da suo padre Ivan Delgardo, che aveva conosciuto in vacanza a Tenerife. Tuttavia, quando la coppia si sciolse, Delgardo avrebbe perseguitato Maxine per oltre due anni, minacciando addirittura di uccidere lei e il suo nuovo socio Philip Hickman, fino a quando Maxine alla fine ottenne un ordine restrittivo contro di lui.

Nel dicembre 2002, Maxine gli fu prescritto dal suo medico il Prozac perché si sentiva in difficoltà. Maxine, Philip e Yazmina si trasferirono poi in un appartamento in un condominio a Hawley Court, Maidstone. Secondo Philip, pochi giorni prima che morisse, il comportamento di Maxine divenne irregolare e divenne ossessionata dall'idea che Delgardo, che all'epoca viveva in Spagna, stesse per rapire la figlia.

"Abbiamo avuto due anni di irritazioni, seccature e minacce di morte", ha detto Philip all'inchiesta sulla morte di Maxine nel giugno 2004.

 Michael e Janet, nella foto con Yazmina, hanno perso la figlia e la nipote

SWNS
13
Michael e Janet, nella foto con Yazmina, hanno perso la figlia e la nipote

Il giorno prima che morisse, Maxine disse a Philip che voleva visitare la tomba di Ryan. Ha anche chiesto una consulenza d'emergenza. Fu più tardi quella notte che il vicino Nicola Morrell vide oggetti gettati dal balcone e udì le voci sollevate da un appartamento all'ultimo piano verso le 21:00, insieme al suono di un bambino turbato.

Chiamò la polizia, ma quando arrivò una macchina della polizia le cose si erano calmate. Tuttavia, Nicola fu svegliato nelle prime ore da un tonfo molto forte, e più tardi dal suono di un bambino che piangeva.

"E 'stato un rumore orribile", ricordò. "Il pianto era abbastanza tranquillo per cominciare, ma diventava più forte, e quando era forte faceva venire i brividi".

 Maxine è precipitata oltre 100ft alla sua morte dal suo appartamento a Maidstone, nel Kent, mentre teneva in braccio Yazmina

SWNS
13
Maxine è precipitata oltre 100ft alla sua morte dal suo appartamento a Maidstone, nel Kent, mentre teneva in braccio Yazmina
Perché tocca a tutti noi ridurre le morti per suicidio

Quando arrivò la polizia dovettero abbattere la porta, che era stata chiusa dall'interno.

"Sono andato nell'appartamento dopo che è successo", spiega Michael, ricordando quella tragica notte. "Era chiaro che Maxine aveva una sorta di esaurimento nervoso. Il posto era stato rovesciato. "

Yazmina fu trovata fredda e piagnucolosa accanto al corpo della madre morta e in seguito ebbe bisogno di più operazioni sul cranio, sul braccio e sulla gabbia toracica danneggiati, oltre che sulle piastre metalliche nella sua mascella.

"Dopo che sua madre è morta, Yazmina aveva subito diversi interventi chirurgici", ricorda Michael. "E' stato un processo lungo, ma lei sembrava far fronte a tutto questo. Eravamo con lei attraverso tutto e siamo rimasti con lei in ospedale. Suppongo che ci abbia aiutato perché il nostro obiettivo era lei. Non c'era alcun dubbio sul fatto che ci saremmo presi cura di lei e che l'avremmo cresciuta con amore e dedizione. "

Descrivendo la sua nipotina, Michael la ricorda come una "ragazza tranquilla, ben educata e premurosa".

"Era così bonaria e sensibile, ma molto timida e non si lasciava coinvolgere molto dal resto della famiglia. Ma tutti amavano Yazmina per quello che era. "

Una ex amica, Amy *, che frequentò la scuola secondaria di Maplesden Noakes con Yazmina, ricorda quanto fosse gentile con lei.

"Era una ragazza timida, riservata, ma ricordo che un Natale ha fatto per alcuni dei suoi compagni di classe - e anche per persone a cui non era particolarmente vicina - piccoli vasetti di cioccolata calda", dice Amy. "Era molto dolce così. Era molto riservata ma ha sempre avuto un sorriso per me. "

Circa tre anni fa Michael e Janet notarono leggeri cambiamenti nel comportamento di Yazmina. "È diventata decisamente più testarda e indipendente", ricorda Michael. "Non per un secondo ho pensato che non sarebbe stata bene, però. Non è mai stata cattiva ".

"Era una persona emotiva, che poteva essere stata collegata al trauma che ha vissuto dopo aver perso la mamma, ma sembrava combattere tutto. Era forte ", aggiunge Janet.

Millie Joslin, che era anche al liceo con Yazmina, la ricorda come "una ragazza così dolce e tranquilla".

"Se solo avessimo saputo come si sentiva, forse avremmo potuto aiutarla", dice.

Ma sembra che nessuno abbia veramente compreso quello che si portava dentro Yazmina, che è diventato evidente solo nelle ultime settimane della sua vita. A quel punto divideva il suo tempo tra la fattoria di Michael e Janet e un appartamento vicino al MidKent College, dove studiava arte, matematica e multimedia.

 Apparentemente inaspettatamente, una settimana prima di morire, Yazmina minacciò di togliersi la vita nel punto in cui sarebbe morta alla fine

SWNS: SOUTH WEST NEWS SERVICE
 Tributi all'adolescente tragico

SWNS: SOUTH WEST NEWS SERVICE
Tributi all'adolescente 

Apparentemente inaspettatamente, una settimana prima di morire, Yazmina minacciò di togliersi la vita nel punto in cui sarebbe morta alla fine. Quella notte dopo aver parlato con il suo fidanzato è stata chiamata la polizia e lei è stata ammessa alla Priority House, un'unità psichiatrica gestita da Kent e Medway NHS & Social Care Partnership Trust.

Lì, Yazmina è stata valutata, tenuta durante la notte e rilasciata il giorno seguente sotto la cura di un team di crisi, che, secondo il sito web Trust, è progettato per facilitare il rilascio anticipato e fornire un'alternativa al ricovero ospedaliero offrendo un trattamento domiciliare. Tuttavia, Michael e Janet, che erano terrorizzati dal fatto che la storia potesse ripetersi, non hanno ricevuto ulteriore sostegno.

"Non ci è mai stato detto cosa avremmo dovuto fare o cercato. Non c'era alcun consiglio ", insiste Michael. "Speravo che sarebbe tornata al college. Stava già guardando alle università, quindi sembrava che stesse guardando al futuro. "

Tragicamente, tuttavia, Yazmina aveva piani diversi. Una settimana dopo il suo primo tentativo di suicidio, andò a fare una pizza con gli amici, poi mandò un messaggio a sua nonna alle 9.23 di sera per dire che era ancora fuori e stava bene. "È stato l'ultimo che ho sentito", dice Janet.

Meno di un'ora dopo, alle 22.12, la polizia di Kent ha ricevuto un rapporto secondo cui una donna era caduta sulla carreggiata dell'autostrada. Era Yazmina. Quando l'inchiesta sulla sua morte è stata aperta il mese scorso, ha saputo che l'adolescente aveva subito gravi ferite alla testa ed era stato colpita dal traffico in arrivo. L'inchiesta è ora aggiornata a gennaio, quindi il dolore di Michael e Janet continua mentre aspettano le risposte. 

Siamo qui da 30 anni. Maxine è cresciuta qui e poi anche Yazmina. Ci sono così tanti ricordi. Forse abbiamo solo bisogno di scappare da tutto ora

Nonno Michele

"Il giorno in cui Maxine è morta, è stata vista sul suo balcone in uno stato angosciato e la polizia è stata chiamata", spiega Michael. "Maxine disse loro che stava bene, ma sapevano che c'era una bambina lì e avrebbero dovuto prendere provvedimenti per assicurarsi che la bambina fosse fuori pericolo. Ora sembra che sia successo lo stesso."

Gli studi dimostrano che molti bambini che soffrono di traumi nella prima fase della vita sviluppano problemi di salute mentale in età avanzata, mentre la ricerca dell'University College di Londra ha scoperto che coloro che sono esposti al suicidio di una persona cara hanno il 65% di probabilità in più di togliersi la vita. Tuttavia, attualmente non esiste alcun protocollo in vigore presso le unità di salute mentale del NHS per indagare su possibili traumi infantili nei pazienti, nonostante il crescente movimento che richiede che sia un'area di indagine fondamentale.

fonte: the Sun
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram