Donna incinta attende 12 ore al pronto soccorso dopo che gente “drogata” aveva la priorità – Arrivata al suo turno, i medici danno una notizia terrificante

Una giovane mamma incinta ha aspettato 12 ore in un pronto soccorso solo per sapere che aveva perso il suo bambino.

Amy Rennie, 18 anni, ha tragicamente perso il suo bambino dopo dieci settimane e mezzo.

L’adolescente, che ha elogiato il lavoro delle ostetriche all’ospedale Derriford di Plymouth, era rimasta colpita dagli ubriachi e i tossicodipendenti che causarono enormi ritardi nel pronto soccorso.

Il personale dell’ospedale ha detto che è “incredibilmente dispiaciuto” per la perdita di Amy e la lunga attesa che ha dovuto affrontare, riferisce Plymouth Live.

Non ci sono prove sul fatto che l’attesa di 12 ore abbia contribuito alla perdita del bambino di Amy.

La mamma di Amy Rennie era inorridita dalla sua esperienza al pronto soccorso(Immagine: Erin Black / Plymouth Live)
Ha scoperto di aver abortito quando è stata finalmente vista da un medico (Immagine: Erin Black / Plymouth Live)

Amy ha detto: “Non voglio che nessun altro passi attraverso quello che ho passato io quel giorno.

“Il personale aveva a che fare con persone che erano ubriache o drogate per prime ed è stato semplicemente orribile. 

“So che non posso essere stata solo io ad aver vissuto qualcosa del genere. Così tante persone quella notte gemevano perché ci sono volute ore per essere visitate.”

Amy, che ha un figlio di un anno, ha dichiarato di essere andata in ospedale il 2 settembre dopo aver iniziato a sanguinare.

Dopo diverse ore di attesa, dice che un medico è entrato nell’area di attesa e ha informato i pazienti che il tempo di attesa era di circa sette ore.

Ha detto: “Ho chiesto all’addetto alla reception se ci fossero ancora sette ore di attesa, date le circostanze, e poi mi ha avvisato che c’erano solo due persone davanti a me, e quindi potevo essere vista molto prima di quelle fatidiche 7 ore”.

Amy ha fornito un campione di urina, quindi ha aspettato qualche ora in più prima di dare un campione di sangue, ha detto.

Ha detto che il pronto soccorso era piena di gente ubriaca e drogata (Immagine: Erin Black / Plymouth Live)

“Il personale mi ha detto che il mio sangue era normale, il che mi ha sollevato un po ‘”, ha detto. “Allora non ero in preda al panico.

“Ho spiegato all’infermiera che stavo ancora sanguinando pesantemente e mi ha rassicurato sul fatto che probabilmente non c’era nulla di cui preoccuparsi.”

Amy ha detto che non è stato fino alle 6.30 del giorno seguente quando, ancora in attesa di una scansione, il personale le ha detto che sarebbe stata vista verso le 8.30. Fu quindi portata e vista da un medico verso le 11.

Amy disse: “A questo punto, non avevo dormito tutta la notte, non avevo mangiato, e fino ad ora avevo continuato ad essere respinta verso la sala d’attesa, quindi ero solo stufa”.

L’ora della verità

Finalmente verso le 16:00 Amy è stata inviata per una scansione, ha detto.

Era andata in ospedale dopo aver avuto sanguinamenti (Immagine: Erin Black / Plymouth Live)

“A questo punto ero lì da così tanto tempo, avevo solo voglia di piangere”, ha detto. “Ero affamata, frustrata, stressata e ancora non sapevo perché avevo questo rapido sanguinamento.

“Quando sono arrivato nella stanza di scansione mi hanno fatto una serie di domande, e poi sono stata scansionata da un’ostetrica chiamata Pam, che non potrò mai ringraziare abbastanza, mi ha aiutato molto.

“Mi ha scannerizzata e ha persino usato una macchina fotografica, prima di dirmi che il mio bambino era….. senza battito cardiaco.”

Amy tornò una settimana dopo e fu rimandata a casa con poco più di una foto di scansione.

“Tutto dall’inizio alla fine è stata l’esperienza più orribile che abbia mai vissuto”, ha detto. “Nei giorni seguenti, ero in uno stato di shock, non potevo nemmeno occuparmi di mio figlio per alcuni giorni

Non mi è ancora stato detto cosa abbia causato il mio aborto e continuo a sentirmi in colpa. “

Amy con il figlio Oscar di 1 anno (Immagine: Erin Black / Plymouth Live)

“Non fraintendetemi, le ostetriche che ho visto sono state tutte molto cortesi”, ha aggiunto. “Ma è stata una lunga attesa per ricevere delle notizie orribili.

Chissà se la lunghissima attesa abbia contribuito alla morte del piccolo, purtroppo non lo sapremo mai, ma di certo questa è una valida opzione.
Condividi questo articolo per porre fine alle estenuanti attese al pronto soccorso!