Donna costretta a partorire in cella da sola nonostante le guardie sentivano le urla di dolore – Attenzione (immagini forti)

I filmati scioccanti delle telecamere della cella mostrano il momento in cui una donna è stata costretta a partorire in una cella di prigione da sola.

Sdraiata sulla schiena “su una panca fredda e rigida, a pochi passi da una toilette”, Diana Sanchez viene catturata mentre urlava di dolore e cercava di spingere fuori il bambino.

La 26enne era stata rinchiusa nella prigione della Contea di Denver il 31 luglio 2018 con l’accusa di furto di identità.

Sei ore prima di dare alla luce suo figlio Jordan, Sanchez ha detto alle guardie che stava andando in travaglio.

Nel corso della mattinata ha riferito ai deputati e alle infermiere della prigione di aver sperimentato contrazioni “almeno otto volte”, sostiene una denuncia legale.

Diana Sanchez ha detto che non le è stato somministrato alcun anestetico prima di partorire il bambino
La mamma afferma di essere stata lasciata da sola nonostante il personale della prigione fosse consapevole che era in travaglio (Immagine: KDVR)

Nonostante i funzionari della prigione siano a conoscenza dell’imminente parto, è rimasta a urlare per ore senza anestesia.

Qualche istante dopo il parto un’infermiere uomo, presumibilmente rimasto fuori dalla cella a guardare, entra e prende il figlio appena nato.

Mari Newman, avvocato di Sanchez, ha detto a  KDVR : “(Prende in braccio il bambino come se non ne avesse mai visto uno in vita sua.

“Voglio dire, la mancanza di qualsiasi tipo di compassione è sorprendente.”

Riprese CCTV di Diana prima del parto in cella
La 26enne sembra urlare in agonia

Sanchez ha affermato che è stato solo dopo aver dato alla luce il bambino che un’ambulanza è stata chiamata per lei.

Mercoledì gli avvocati hanno intentato una causa affermando che il personale carcerario era consapevole che Sanchez stava partorendo e nonostante ciò decisero di non portarla in ospedale.

Parlando giorni dopo la nascita, Sanchez ha detto: “Quel dolore, è giusto, ma è stato indescrivibile. Ciò che mi fa più male è il fatto che a nessuno importava, mi sentivo completamente sola”.

Un’infermiere maschio entra nella stanza dopo il parto

Il dipartimento facendo tesoro di tale esperienza ha cambiato le sue politiche per garantire che le detenute incinte vengano immediatamente trasportate in ospedale.

Diana con il suo bambino Jordan (Immagine: KDVR)

Un avvenimento terribile, la sofferenza sopportata è stata indescrivibile, condividi su facebook se sei d’accordo!