Donna con il cancro derisa dall’impiegato di McDonald per aver indossato un copricapo – Il post di sfogo su facebook diventa virale

Combattere il cancro non è di certo una passeggiata nel parco. Credo che su questo siamo tutti d’accordo.

Ecco perché quando a qualcuno viene diagnosticato, o nel bel mezzo di una battaglia che deciderà letteralmente le loro vite, ci raduniamo attorno a loro e offriamo loro tutto il sostegno che meritano.

Quello che non si dovrebbe mai fare – e questo non vale solo per i malati di cancro – è sminuirli o deriderli.

Purtroppo, Marissa Sowers, una donna con cancro cervicale , è stata esposta a questo scempio, e in uno dei posti più improbabili che si possano immaginare: McDonalds .

A peggiorare le cose, non è stato un cliente a fare commenti scortesi, ma piuttosto l’impiegato che la serve attraverso la finestra del McDrive.

Credito: Wikimedia

Marissa Sowers nel bel mezzo della sua battaglia contro il cancro cervicale quando un giorno entrò in un McDonald per fare la colazione. Non sapeva che stava per essere ridicolizzata.

Dopo il calvario, invece di confrontarsi con il direttore del ristorante, è andata su Facebook. Lì, ha scritto un post incoraggiando gli altri ad essere gentili.

Ecco il contenuto del post:

“Caro lavoratore di McDonald che probabilmente non vedrà mai quello sto per scrivere”, scrisse Sowers   l’11 ottobre. Il tuo servizio al McDrive non mi ha per niente migliorato la giornata. Probabilmente ti starai chiedendo perchè avevo le lacrime agli occhi quando mi hai dato il caffè ghiacciato … o forse no, a giudicare dalle parole che hai detto dopo avermi passato la farina d’avena … “

Guarda questa ragazza bianca, con la testa avvolta in un velo”, secondo quanto riferito dall’impiegato della McDonald . “Mi fa ridere, è davvero ridicola!”

Sowers era, comprensibilmente, turbata.

“Mentre tu e il tuo collega avete riso ed espresso il giudizio sulla mia povera testa, spero che il tuo giorno migliori. Sono andata da McDonald’s per un caffè freddo e farina d’avena per cercare di migliorare la mia giornata, ma hai solo peggiorato le cose. Spero che tu goda di buona salute sempre, che tu sia sano e prospero per la tua vita, ed anche che i tuoi familiari siano sani e felici. Perché non ho avvolto la testa per cercare di avere un look particolare … L’ho fatto perché mi sono rasata la testa quando i miei capelli stavano cadendo per la chemioterapia, dopotutto ieri il mio figliastro mi ha detto che gli piaceva.

💜

“L’ho avvolto perché il velo mi è stato donato da una donna dell’ufficio da cui ricevo i trattamenti con radiazioni. Ho usato il velo anche perché non mi facevo la doccia da 2 giorni perché sono una mamma che sta ancora cercando di capire come destreggiarsi. Quindi, grazie per avermi ricordato di stare attenta alle mie parole … e di non giudicare un libro dalla copertina. ”

Contenuto virale

Inutile dire che il post di Sowers è diventato virale, accumulando ben 684.000 Mi piace e 450.000 condivisioni. Migliaia di persone la stanno sostenendo, anche se ha continuato dicendo che non voleva che nessuno “perdesse il lavoro, non sono rancorosa”.

Che donna ispiratrice Marissa!

Condividi questo articolo per augurarle il meglio in futuro. Forse il suo messaggio insegnerà ad alcune persone a non giudicare mai un libro dalla copertina.