DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Aprile 30, 2020

Redazione DonnaWeb

Di quali fasi si compone la catena del valore del gas naturale?

Vi siete mai chiesti come il gas arriva presso le nostre abitazioni? La filiera che compone
la catena del valore del gas naturale è il frutto di diversi step operativi, che è molto
interessante conoscere e che verranno approfonditi proprio in questa guida.

Come si compone la filiera del gas naturale?

La filiera comprende tutte quelle attività che intercorrono fra il momento in cui il gas
viene estratto ed il momento in cui accendiamo la nostra caldaia o il nostro fornello.
Vediamo nel dettaglio quali sono le fasi che compongono la filiera.
La prima è la così detta “approvvigionamento”, che può a sua volta dividersi in due fasi:
la produzione e l’importazione. In Italia si produce solo il 10% del fabbisogno nazionale
di gas naturale; per integrare il restante 95% di fabbisogno di ricorrere a importazioni
dall’estero tramite gasdotti ed in minima parte tramite nave.

Pubblicità

La seconda fase della filiera è il trasporto, del quale si occupa la Snam Rete Gas, e che
avviene tramite due tipi di reti: quella nazionale e quella regionale. In sintesi, ci sono
diverse sezioni di tubature che collegano le varie reti e che permettono il trasporto del
gas fino ai punti di consegna, ovvero i centri di consumo.

La terza fase è composta dallo stoccaggio e dal dispacciamento. Lo stoccaggio permette
di conservare delle riserve di gas, che verranno poi utilizzate durante i periodi dell’anno
più freddi, come l’inverno, così da coprire i picchi della domanda. Il dispacciamento è
invece un’attività che ha un compito diverso: assicurare che vi sia sempre equilibrio fra
domanda e offerta, così da coprire le necessità di tutte le case italiane.

Il quarto step è quello della vendita all’ingrosso, mentre il quinto e il sesto sono la
distribuzione e la vendita al dettaglio. Durante la fase di distribuzione, si concretizza la
consegna del gas naturale tramite i gasdotti, fino alla consegna.

Cosa cambia fra gestore, fornitore e distributore?

Come abbiamo visto, l’intera filiera del gas è caratterizzata da fasi e da attori ben
distinti tra loro. Molti di noi non conoscono nel dettaglio questo mondo e magari non
sanno quale sia la differenza tra fornitore e distributore o quale sia il ruolo del gestore
in questo lungo processo. Andiamo con ordine. Il gestore si occupa del trasporto del gas
naturale tramite le varie tubazioni. Il distributore, invece, è l’azienda che si occupa della
consegna del gas al consumatore attraverso i condotti a bassa pressione. Infine c’è il
fornitore, che rappresenta l’ultimo attore della filiera, e che si occupa della vendita del
gas ai consumatori finali.

Quando si parla di filiera di gas è bene saper distinguere i diversi ruoli delle società che
operano nel settore per comprendere al meglio i vari passaggi della vendita della materia e anche il significato delle bollette.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram