Cucina, quanto mi costi? Ecco alcuni modi per tagliare consumi e spese

Alla fine del mese, tutte le famiglie si trovano a fare i conti con le bollette da pagare: queste, infatti, costituiscono spesso la preoccupazione maggiore di ogni nucleo familiare, a causa delle uscite non indifferenti che il più delle volte queste comportano. Le bollette, infatti, vanno ad inficiare in maniera più o meno pesante sull’economia di una famiglia, rendendo così difficile far quadrare i conti, e quella del gas è senza ombra di dubbio tra le più salate. Tuttavia, pochi sanno che quotidianamente si commettono degli errori banali che, se eliminati, potrebbero portare a un ridimensionamento dei costi. Vediamo nello specifico come fare per risparmiare sui consumi in cucina.

Risparmiare sui consumi in cucina in 4 step

Ottenere un risparmio considerevole sulle bollette del gas non è una circostanza impossibile da raggiungere. Prima di tutto è bene valutare con cura la convenienza dell’attuale tariffa energetica prevista dal proprio fornitore, non escludendo la possibilità di approfittare dell’addio al servizio di maggior tutela per cambiare operatore. In questo caso sarà indispensabile informarsi al meglio sulle varie offerte del gas per la casa proposte da fornitori del mercato libero come Acea, per esempio, e scegliere quella più adatta alle proprie necessità. Fatto ciò sarà sufficiente qualche piccolo accorgimento quotidiano per riuscire a ridurre di molto i consumi e, di conseguenza, tagliare le spese. Come fare? 

  • Sfruttare il bollitore elettrico: vi sono alcune pietanze, come ad esempio la pasta, che richiedono in via preliminare che l’acqua venga portata ad ebollizione. Questo passaggio fa sì che venga consumata una quantità di gas non indifferente. Per evitare ciò, dunque, potrebbe rivelarsi una buona idea adoperare un bollitore elettrico a risparmio energetico, oppure posizionare la pentola con l’acqua vicino a una fonte di calore.
     
  • Usare il fornello giusto: a volte capita, per la fretta, di posizionare la pentola su un fornello di dimensioni più grandi del dovuto e di alzare la fiamma per velocizzare la cottura; così facendo, però, si spreca inutilmente più gas. Meglio utilizzare sempre il fornello che più si adatta al diametro della pentola o della padella che si sta usando, per evitare consumi superflui.
     
  • Mettere sempre il coperchio: sebbene possa sembrare una sciocchezza, l’utilizzo del coperchio di pentole e padelle durante la cottura è davvero importante, in quanto riduce notevolmente i tempi di cottura delle pietanze, non permettendo al vapore di fuoriuscire.
  • Prediligere la cottura a vapore: anche questa può essere una soluzione adeguata che consentirebbe di risparmiare gas. Con la cottura a vapore, infatti, è sufficiente propagare una minima quantità di calore, ed è possibile anche fermare con anticipo la cottura della pietanza in questione, risparmiando così energia e denaro.