Crede che la famiglia sia morta durante l’olocausto: 70 anni dopo riceve una visita

L’Olocausto.

Con una sola parola puoi evocare i sentimenti più tristi come paura, dolore, rabbia e incredulità.

Milioni di vite innocenti sono state spazzate via.

I bambini separati dai genitori, i vecchi e le donne messi nei campi di concentramento, i feriti hanno dovuto affrontare esperimenti disumani. Tutti con un’opinione diversa sono stati torturati o uccisi.

L’Olocausto. Uno dei momenti più oscuri e tristi della storia del mondo.

Nel 1939, l’allora 24enne Eliahu Pietruszka viveva con la sua famiglia a Varsavia, in Polonia.

Quando scoppiò la seconda guerra mondiale e i nazisti occuparono la Polonia, Eliahu fuggì nell’Unione Sovietica. Senza i suoi genitori e i suoi fratelli gemelli Volf e Zelig – entrambi a soli 9 anni.

Furono tutti deportati nei campi di concentramento dai nazisti di Varsavia. Ecco perché Eliahu pensava di aver perso tutti i suoi cari e che fossero stati tutti uccisi nelle camere a gas.

Fonte: Wikipedia Commons

Convinto del peggio

Nel mezzo della terribile guerra, Eliahu ricevette una lettera da uno dei suoi fratelli. Volf era riuscito in qualche modo a scrivergli che poteva fuggire dal campo di concentramento dove si trovava.

I due fratelli riuscirono in qualche modo a rimanere in contatto, ma presto si verificò la prossima tragedia. Volf fu inviato dai russi in un campo di lavoro in Siberia, e di nuovo Eliahu pensò che fosse tutto finito.

“Ero convinto che non sarebbe stato vivo”, ha detto Eliahu.

Nel frattempo, visse la sua vita e si sposò in Russia. Eliahu credeva tristemente che tutta la sua famiglia fosse caduta vittima del regime della morte. Nel 1949, emigrò in Israele, dove iniziò una nuova vita. Certo, Eliahu pensava ancora spesso alla sua famiglia, il suo cuore era costantemente spezzato: come poteva il mondo permettere una cosa così terribile?

Passarono i decenni … fino a quando all’improvviso accadde un miracolo.

Alcuni mesi fa, il nipote di Eliahu, Shakhar Smorodinsky, ha ricevuto un’e-mail da un cugino canadese che ha esaminato l’albero genealogico. Aveva guardato il sito web Yad Vashem; un database che raccoglieva testimonianze di ebrei che dovevano assistere all’Olocausto.

Scoperta casuale

I cugini scoprirono presto qualcosa di eccezionale. Nel database hanno scoperto una dichiarazione rilasciata da Volf nel 2005.

Si è scoperto che il fratello di Eliahu era sopravvissuto al campo di lavoro sovietico. Si stabilì quindi a Magnitogorsk, una città industriale nelle montagne degli Urali. Volf lavorò lì come operaio edile e divenne il padre di un ragazzo di nome Alexandre.

Shakhar riuscì a mettersi in contatto con Alexandre. Inizialmente fu scioccato nel sentire da parenti di cui nessuno gli aveva mai detto. Accettò un incontro e viaggiò in Israele da suo zio Eliahu.

Questo incontro è stato molto emozionante per tutti i soggetti coinvolti. Eliahu e Alexander si abbracciarono intimamente e entrambi cercarono di non piangere, ma nessuno riuscì a trattenere le lacrime.

“Ho aspettato 70 anni per questo momento per incontrarti,” disse Eliahu ad Alexandre. “Sembri proprio tuo padre.”

“Non mi aspettavo niente del genere”, disse Alexandre a suo zio.

Sfortunatamente, Volf è morto nel 2011 all’età di 88 anni. Non aveva mai sentito che suo fratello maggiore fosse sopravvissuto alla guerra. Di conseguenza, a Eliahu non fu permesso di rivedere suo fratello, ma fu più che felice di incontrare suo figlio.

“Mi rende molto felice che mio fratello si sia lasciato alle spalle qualcosa e suo figlio”, continua Eliahu.

Guarda la riunione emotiva nel video qui sotto (suggerimento: tieni i fazzoletti pronti)