Costretta a lasciare il lavoro per prendersi cura della figlia espulsa dalla scuola materna: una vera peste

Una mamma è stata costretta a lasciare il lavoro dopo che il comportamento della figlia era diventato così pericoloso che è stata espulsa dall’asilo.

Joanne sa che la sua bambina di tre anni è un vero terremoto.

Mamma Joanne ha detto al personale che Lottie era un “pericolo per se stessa e per gli altri” grazie alle sue “audaci buffonate” era capace di arrampicarsi sui mobili e di scappare per correre attraverso le strade.

Per il comportamento di Lottie la piccola era giù stata espulsa da un asilo nido (Immagine: Canale 5)
 (Immagine: Canale 5)

Essendo già stata esclusa da un asilo nido, Joanne fu costretta a rinunciare al suo lavoro per poterla curare, come riportato dal Daily Mail .

Rivolgendosi all’asilo nido più grande della Gran Bretagna per chiedere aiuto, la mamma ha spiegato che non è in grado di distogliere lo sguardo da sua figlia per un secondo a causa del suo carattere impossibile, ama salire sempre su sedie, davanzali, tavoli e lavatrici.

“Non ho un minuto libero, ho bisogno di avere sempre gli occhi puntati su di lei”, ha detto.

“‘A lei non importa delle conseguenze, puoi portarla via dalla situazione, tornerà indietro e farà esattamente lo stesso.

Lottie si mette spesso in situazioni pericolose, lasciando la mamma preoccupata che si farà del male (Immagine: Canale 5)
Il personale è stato in grado di identificare rapidamente il motivo per cui Lottie stava recitando (Immagine: Canale 5)

Quando Lottie era all’asilo, Joanne veniva chiamata tre volte a settimana per andare a prenderla e diceva che la disciplina non sembrava funzionare.

Ha pianto mentre spiegava alla psicologa infantile Laverne Antrobus che temeva che Lottie alla fine si sarebbe fatta male.

Come soluzione per aiutare Joanne a far fronte alla passione di Lottie per l’esplorazione fisica, a sua figlia è stato permesso di sperimentare scatole di gelatina, che ha usato mani e piedi per toccare con totale gioia.

Scoprirono anche che era più concentrata sui compiti quando aveva qualcosa in bocca – ma suggerì a Joanne di trovare qualcosa di più sicuro degli oggetti pericolosi dai cui Lottie si era spesso attratta come i coperchi delle bottiglie.