Cosa significa rimanere svegli mentre si subisce un’operazione al cervello?

“È Aliyana, non Ariana”, corresse Kelly Ann quando iniziò a parlare del suo cavallo.

La cosa strana era che a Kelly stavano ponendo la domanda mentre veniva operava al cervello.

Kelly Ann Alexander, 41 anni, ha subito una craniotomia sveglia, un’operazione in cui i medici lavorano sul cervello e svegliano il paziente durante la procedura per assicurarsi che non facciano alcun danno. Potresti aver visto video di persone che suonano il violino o fanno telefonate durante l’intervento chirurgico, ma per la maggior parte delle persone che hanno l’operazione, il team medico fa solo alcune domande mentre stimola il cervello. Le fibre cerebrali non hanno fibre nervose, quindi toccare o tagliare il cervello non fa male. L’anestetico locale viene utilizzato per intorpidire i tessuti e i muscoli intorno all’area che il chirurgo deve tagliare, il che significa che i medici possono operare senza ferire il paziente.

Kelly Ann Alexander ora (Foto: Kelly Ann Alexander)

Kelly Ann Alexander ora (Foto: Kelly Ann Alexander)

L’operazione viene utilizzata per trattare le persone che hanno un tumore al cervello in quanto consente ai medici di provare a rimuovere il più possibile il tumore assicurandosi che non influenzino aree importanti come quelle della parola e il movimento. Kelly Ann ha subito l’operazione dopo che le è stato detto che aveva due tumori a crescita lenta nel suo cervello, che sono stati scoperti quando ha subito un attacco a casa nel settembre 2015.

Racconta a Metro.co.uk: ‘Mi sentivo spesso stanca, ma al momento stavo lavorando molto duramente nel mio lavoro con i cavalli. Mi occupavo di 15 cavalli da sola e del mio cavallo Aliyana. ‘Il giorno del primo attacco, ho detto a mio marito, Kevin, che sarei andata a letto verso le 7 di sera perché ero troppo stanca. ‘Circa 10 minuti dopo, ebbi un attacco molto forte. “Mio marito ha chiamato un’ambulanza e sono stata portata di corsa in ospedale, ma quando sono arrivata lì, mi hanno detto che ero ubriaca, avevo bisogno di ” tornare sobria”e mi hanno mandato a casa.”

La scansione del cervello di Kelly (Immagine: Kelly Ann Alexander)

La radiografia del cervello di Kelly (Immagine: Kelly Ann Alexander)

Sulla strada di casa, Kelly ha avuto un altro attacco e andò a trovare il suo medico di famiglia la mattina dopo. Il suo medico le disse che sembrava che avesse l’epilessia e le prescrisse farmaci antiepilettici. Nei giorni seguenti, ha avuto più convulsioni e quando suo marito è dovuto andare a lavorare per due settimane come camionista per tanti giorni, decise trasferirsi con i suoi genitori a 300 miglia di distanza a Lothian occidentale, in Scozia. Kelly Ann non era autorizzata a guidare, un’amica ha guidato per prenderla e poi l’ha portata a casa. Durante il viaggio, Kelly Ann ha avuto circa 14 convulsioni e non appena è entrata nella casa dei suoi genitori, ha avuto un enorme attacco di fronte a loro. L’hanno portata direttamente in ospedale dove è stata portata per diverse scansioni MRI e scansioni TC. Il giorno seguente, le fu detto che aveva due tumori nel cervello e sebbene fossero a lenta crescita, stavano esercitando una pressione sul fronte, causando convulsioni e altri sintomi tra cui un sapore metallico nella sua bocca.

Kelly Ann dopo la sua sveglia operazione di craniotomia

Kelly Ann dopo la sua operazione (Foto: Kelly Ann Alexander)

Pochi giorni dopo, a Kelly Ann e alla sua famiglia furono date alcune opzioni per il trattamento: un intervento chirurgico o una combinazione di chemioterapia e radioterapia. Kelly Ann ha spiegato: ‘Avendo visto i miei nonni soffrire di cancro, sapevo che avrei voluto evitare la chemioterapia e la radioterapia se potevo, così ho deciso di sottopormi a un intervento chirurgico. ‘Non ero preoccupata di rimanere sveglia perché volevo davvero solo rimuovere i tumori. La sera prima ero un po nervosa e stavo cercando su Google l’intervento chirurgico. Ho trovato un video di un uomo che suona il violino durante questo e ho pensato che se fossi riuscita a farlo, sarei stata bene. Il 24 novembre 2015, circa sei settimane dopo la diagnosi, Kelly Ann si è sottoposta all’operazione. Nella maggior parte dei casi, al paziente viene somministrato un anestetico per sedarli mentre aprono il cranio ma viene svegliata appena prima in cui i medici iniziano a rimuovere il tumore. Kelly Ann spiega: ‘Ricordo tante cose dell’operazione. Ricordo che mi hanno chiesto di sollevare le braccia e ho discusso con loro sul nome del mio cavallo. “Li ho sentiti chiedere strumenti e bisturi e ho chiesto loro di non dire quelle parole perché mi spaventava.” Dopo aver rimosso quanto più tumore possibile, Kelly fu nuovamente sedata mentre le ricucivano il cranio. Sfortunatamente, i medici sono stati in grado di rimuovere solo il 70% del tumore di Kelly Ann. Inizialmente è rimasta stabile ma nel tempo sono cresciuti.
Un anno fa, tre anni dopo la sua operazione, fu detto a Kelly Ann che i tumori erano diventati abbastanza grandi da richiedere un ulteriore trattamento. Nel gennaio di quest’anno, ha iniziato la radioterapia e ora è sottoposta a chemioterapia nel tentativo di ridurre nuovamente i tumori.

Read more: https://metro.co.uk/2019/09/10/like-stay-awake-brain-surgery-10713419/?ito=cbshare

Twitter: https://twitter.com/MetroUK | Facebook: https://www.facebook.com/MetroUK/

Read more: https://metro.co.uk/2019/09/10/like-stay-awake-brain-surgery-10713419/?ito=cbshare

Twitter: https://twitter.com/MetroUK | Facebook: https://www.facebook.com/MetroUK/