COME PARLARE A TUA FIGLIA DEL SUO CORPO? I CONSIGLI PER NON FARLA SENTIRE “SBAGLIATA”

Succede a tutte le mamme quando la propria figlia chiede pareri sul proprio aspetto, di ritrovarsi in difficoltà e non sapere quali sono le parole giuste da utilizzare per parlarle del proprio corpo.

Per prima cosa, non bisogna fare commenti sul suo aspetto del tipo “Sei dimagrita”, “Sei ingrassata”, ma parlarle di come funziona e insegnarle ad ascoltarlo.

Frasi come “Sembri in salute”, “Sembri così forte”, “Risplendi, si vede che sei felice”, possono andare, ancor meglio se ci si lascia andare a commenti che non hanno niente a che vedere con il suo aspetto, meglio evitare anche commenti di qualsiasi tipo sulle altre donne.11004491_10206306924061917_1456238418_n

Bisogna insegnarle ad essere gentile verso gli altri , non lamentarti del tuo corpo davanti a lei, o della nuova dieta, anzi, meglio non fare alcuna dieta in sua presenza, spiegale che stai semplicemente mangiando qualcosa di diverso perché hai un problema di salute e mangiare ciò che mangia ti fa male, per questo compri cibo più sano.


Non dire ” non mangerò più dolci e carboidrati”, tua figlia non deve pensare che i carboidrati siano un male, non bisogna gettare vergogna sul cibo; incoraggiala a correre per sentirsi meno stressata, a scalare montagne per sentirsi in pace, ad andare in bici o a fare surf per superare le proprie paure e accrescere l’autostima.

Aiutala ad amare gli sport, di qualsiasi tipo, perché lo sport la renderanno leader e sicura di sé; dimostrale che le donne non hanno bisogno degli uomini per spostare i mobili, insegnale a cucinare e a sfornare dolci.

Passale la ricetta della donna per fare il dolce della colazione di Natale e trasmettile l’amore per l’aria aperta.

Può succedere di non avere belle gambe o avere un torace ampio, insegnatele ad apprezzarlo, con quelle gambe può fare una maratona, il torace ampio contiene polmoni forti. Insegnale ad urlare, cantare a liberarsi e a ricordare sempre che il suo corpo è il contenitore della sua bellissima anima.

FONTE