Come fare a capire se il matrimonio è arrivato al capolinea? I segnali da non sottovalutare

Se un matrimonio non si tiene vivo e attivo può essere davvero la tomba dell’amore, come fare a capire se si è arrivati alla fine? Ci sono dei segnali che possono prevederne la fine. Quali sono?

Il margine di errore è pari al 10%, ci sono segnali inconfutabili che fanno capire che il matrimonio è arrivato al capolinea, un buon sistema per capire se è il caso o no di procedere con il divorzio.

Se una relazione, un matrimonio ma anche i rapporti di amicizia non sono curati ognFine-Matrimonioi giorno deperiscono, i primi segnali riguardano proprio la comunicazione, più della passione. Se prevale mutismo, apatia, stizza, non c’è molto da sperare, se si vuole salvare quello che ne rimane bisogna correre subito ai ripari. Se si aspetta invece un segnale per prendere una decisione si può considerare ormai la propria storia “più di là che di qua”.

Il primo segnale è la conversazione, ovvero il tipo di comunicazione con il partner, se avviene attraverso, critiche, sarcasmo, accuse, commenti velenosi non si può arrivare in fondo alla discussione senza litigare, o con un mutismo rabbioso.

LEGGI ANCHE: QUALI SONO GLI ERRORI CHE PORTANO ALLA DISTRUZIONE DI UN MATRIMONIO

I quattro segni tangibili che prevedono un divorzio sono: critiche, disprezzo, stare sulla difensiva e opporre un muro di gomma. Se il compagno li mette tutti e quattro in campo o se lo fate voi stesse, è molto alta la probabilità di essere arrivate alla fine. Se si sommerge il proprio partner di veleno e negatività tutto questo porta solo ad una chiusura a riccio e un distacco inevitabile, Alla lunga anche al disprezzo.

63205343_1-SEPARAZIONE-E-DIVORZIO-DEI-CONIUGI-


Anche il corpo può risentirne: battito accelerato, pressione alta, scariche di adrenalina possono essere non solo conseguenze di passione ma anche di risentimento e stress, sintomi che possono ostacolare la risoluzione ai problemi.

La soluzione dei conflitti è invece il punto principale del rapporto di coppia, se si evitano o non si riesce ad affrontarli il matrimonio non può uscirne indenne.  Se si ricordano solo i brutti momenti passati insieme, litigi e le pessime abitudini si distruggono le fondamenta della storia. Spesso le storie non reggono proprio perchè le aspettative sono alte, troppo. Si pensa che il partner debba essere per noi fonte di soddisfazione personale, vitalità, benessere, che debba soddisfare tutti i nostri bisogni ogni volta che ne abbiamo volta, dimenticandoci spesso che è semplicemente un essere umano.

Se non si è autosufficienti e non si trova una soddisfazione personale, anche minima, ogni relazione sarà destinata al fallimento, perchè cercheremo nell’altro/a quello che non riusciamo a procurarci da soli.