Come convincere il bambino a separarsi dal ciuccio, senza traumi

Il ciuccio è il miglior amico di un bambino e non è sempre facile toglierlo, ecco alcuni trucchi per farlo abituare senza, leggete.

ciuccio

Per riuscire a togliere il ciuccio ad un bambino c’è bisogno di molta furbizia e immaginazione per convincerlo del fatto che a partire da quel momento non potrà più averlo.

Solitamente a partire dai 2 anni o prima che il bambino inizi la scuola, la maggior parte delle mamme pianifica il modo migliore per fargli abbandonare il ciuccio, anche se a questa età si utilizza soprattutto per farlo dormire o dopo qualche disavventura dolorosa.

A questa età è difficile che il bambino inizi a succhiarsi il dito come alternativa al ciuccio poiché il suo bisogno di suzione è minore, ma a volte non si riesce a trovare il momento adatto per l’abbandono definitivo.

Nessun genitore vorrebbe che il proprio bambino si svegli nel cuore della notte piangendo o che richieda le attenzioni dai genitori nei momenti più strani della giornata.

 Inoltre, ci sono casi in cui si aggiunge il timore che il bambino non accetti l’iniziativa o che magari non sia ancora il momento giusto perché si trova ad affrontare situazioni, cambiamenti o circostanze familiari che richiedono di non aumentare la tensione.

La cosa importante è non tornare mai indietro e restare fermi sulla decisione cercando collaborazione con il bambino; i genitori lo devono aiutare ma è lui che dovrà poi convincersi a fare il lavoro più grosso decidendo di abbandonare il ciuccio.

I trucchi per togliere il ciuccio

Parlare con il bambino facendogli capire che è grande e che i bambini della sua età non hanno bisogno del ciuccio.

Il ciuccio può essere dato come offerta a  Babbo Natale, ai Re Magi, agli elfi, alle fate, al gatto del vicino, a un uccellino in cambio di un regalino.

Darlo come un generoso regalo ad un bambino più piccolo che ne ha più bisogno.

Dire al bambino che si è perso e che non si riesce più a trovare

Dire al bambino che il giorno del so compleanno, poiché è grande, dovrà buttarlo.

Sostituirlo con un peluche con cui può dormire.

Approfittare di una malattia o altro motivo che gli faccia rifiutare il ciuccio.

Renderlo un oggetto sgradevole togliendoli la tettarella o dandogli un brutto aspetto ( solo in casi estremi).

Abbiate pazienza, ci vorranno alcuni giorni prima che il bimbo si abitui.