Capsula Mundi, mai più cimiteri ma immense aree verdi per i nostri defunti

Il nostro destino e il corso della vita sono legati alla morte, un argomento che non tutti vogliono trattare e che preferiscono rimandare il più possibile. Purtroppo, è un ciclo naturale e prima o poi, tutti vedranno la fine del proprio. Da questo concetto nasce l’idea di Anna Citelli e Raoul Bretzel, due designer, che hanno cercato di globalizzare la morte, superando ostacoli religiosi, superando paure per bare e cimiteri, ma soprattutto rispettando l’ambiente intorno.

Il progetto ha il nome di Capsula Mundi, l’idea è quella di ricordare i defunti in modo ecologico, ovvero, al termine del ciclo della vita, chiudere la persona cara in una capsula biodegradabile, realizzata con materiale a base di amido. La posizione al suo interno ricorda quella del feto materno, la capsula viene poi posta in un’area dedicata e al di sopra di essa verrà piantato un albero che custodirà il nostro caro, che a sua volta darà linfa vitale  e supporto nutritivo alla pianta.



Dalla morte dell’uomo alla nascita di una nuova vita. Sarà possibile scegliere l’albero da piantare sulla capsula, non ci saranno più bare, loculi, cimiteri di cemento ad accogliere le salme dei defunti ma aree verdi immense che prendono vita dalle altre vite.

In Italia il progetto è solo fantasia, poiché il nostro Stato non approva questo tipo di sepolture, ma se dovesse essere approvato, l’idea rivoluzionerebbe completamente il concetto della morte e la separazione dai cari sarebbe un pò meno dolorosa.

Fonte: http://news.fidelityhouse.eu/notizie-curiose/le-bare-ed-il-cimitero-vi-fanno-paura-con-capsula-mundi-il-defunto-diventa-un-albero-184387.html/5?vers=952e8d50949d4017f0fb9d3ac65c445b