Bimbo di 8 anni lancia dal nono piano dopo essere stato picchiato dai genitori

Triste vicenda, quella di un bambino di otto anni che è volato via da un appartamento al nono piano per porre fine alla sua vita dopo anni di violenza domestica da parte dei suoi genitori, racconta la polizia.

Si presume che il ragazzo, chiamato solo come Anton, sia stato regolarmente picchiato dai suoi genitori e abbia subito violenze psicologiche.

Il piccolo è stato trovato morto sulla strada il mese scorso in quello che la polizia dice essere un caso di suicidio.

I suoi genitori lo avevano sgridato quel giorno per aver sporcato i vestiti, affermano i rapporti.

Zhanna, un testimone di Enerhodar, in Ucraina, ha dichiarato: “I genitori hanno urlato al ragazzo e gli hanno strappato i vestiti. Ho anche sentito che lo picchiavano.

“Poi il silenzio e ho sentito i passi veloci del bambino.

“Passarono diversi secondi e si udì quell’orribile tonfo quando un corpo colpì il suolo.

Anton, otto anni, è stato regolarmente picchiato dai suoi genitori (Immagine: ICTV)

“Ho guardato fuori dalla finestra della mia cucina e ho visto il ragazzo sdraiato sotto. Ho chiamato un’ambulanza e la polizia.”

Un altro vicino disse: “Ho visto la famiglia salire di sopra nel loro appartamento. Dieci minuti dopo il ragazzo giaceva a terra mentre i suoi genitori correvano di sotto in strada”.

I paramedici si precipitarono sulla scena ma non furono in grado di salvare Anton.

Il ragazzo è stato trovato senza vita sul marciapiede vicino al condominio (Immagine: ICTV)
La polizia continua a indagare dentro e intorno al palazzone (Immagine: ICTV)

La polizia ha ora avviato un procedimento penale per inadempimento dei doveri dei genitori contro i genitori della vittima.

I sospetti avrebbero detto loro “è saltato fuori dalla finestra della sua stanza subito dopo l’abuso”.

Hanno anche affermato di aver regolarmente picchiato il figlio per “comportamento scorretto”, secondo quanto riferito.

Tributi sono stati lasciati accanto alla tomba di Anton a Enerhodar nell’Ucraina meridionale (Immagine: ICTV)

Dopo essere stata intervistata, la coppia ha lasciato il loro appartamento in affitto, dove si è verificato l’incidente ed è fuggita dalla città. Ora sono ricercati dalla polizia, è chiaro. I sospettati rischiano fino a cinque anni di carcere se vengono giudicati colpevoli.

Il preside della scuola di Anton, Oksana Zelenska, ha dichiarato: “Il ragazzo è rimasto indietro a scuola e abbiamo dovuto trattenerlo in prima elementare. I suoi genitori non erano affatto interessati a lui.”

E la psicologa Zoya Pershyna disse: “Anton mi ha fatto visita per un consiglio più volte. Non l’ho visto mai arrivare.”