Bimba di due mesi aveva seri problemi di salute – I dottori pensavano di averla guarita – Ma due giorni prima del rilascio viene scoperto qualcosa di inconcepibile

I genitori di una bambina morta due giorni prima del rilascio per portarla a casa affermano che i loro cuori sono completamente spezzati.

La bimba di due mesi, Daisy Dawson, ha tragicamente perso la lotta per la vita dopo aver sofferto con un polmone collassato, nonostante abbia sfidato le aspettative dei medici dal momento in cui è nata.

Quando la 26enne Charlotte Whitehall era incinta di Daisy, le fu detto che la piccina aveva del fluido sul collo che poteva portare a complicazioni dopo la nascita, riferisce Stoke-on-Trent Live.

Inizialmente i medici al Birmingham Children’s Hospital pensavano che Daisy, potesse essere nata con la sindrome di Down.

Ma due giorni dopo la sua nascita, il 31 maggio, è stata ricoverata in terapia intensiva e le hanno dovuto montare un pacemaker temporaneo – i medici avevano scoperto che il suo cuore aveva dei seri problemi.

Daisy non lasciò mai l’ospedale pediatrico di Birmingham e morì il 1 ° agosto dopo il collasso del polmone.

La loro preziosa bambina, Daisy (Immagine: Malcolm Hart)

Charlotte, una lavoratrice di ceramiche, ha dichiarato: “Daisy ha avuto problemi cardiaci perché il cuore era sul lato destro, era devastante, significava che le sue arterie erano troppo piccole e che doveva avere un pacemaker temporaneo montato a due giorni di età e uno permanente dopo sole due settimane.

“Quando ero incinta hanno scoperto che qualcosa non andava a causa delle scansioni poco approfondite.”

“Abbiamo dovuto fare ulteriori di scansioni e hanno pensato che non avrebbe potuto farcela o che potesse avere la sindrome di Down, ma hanno scoperto che aveva problemi al cuore e lei è sopravvissuta alla gravidanza.

“Ci è stato detto che non avrebbe pianto quando è nata, ma invece avvenne il contrario. È stata portata d’urgenza nell’unità neonatale e poi in terapia intensiva.

“Si stava riprendendo dalle sue operazioni e ci è stato persino detto dai medici che sarebbe stata in grado di tornare a casa, ma è morta due giorni prima, è stato devastante.

“La mia prima figlia, da una precedente relazione, non vedeva davvero l’ora che sua sorella tornasse a casa, ma era difficile spiegarle cosa fosse successo.

La coppia completerà una passeggiata commemorativa posando un fiore ad ogni miglio in memoria di Daisy (Immagine: StokeOnTrentLive / WS)

“Aveva tanti di capelli e grandi occhi blu, ha iniziato a sorridere la settimana prima di morire e aveva un bel carattere. Abbiamo molte sue foto e abbiamo fatto mettere le sue ceneri in un orso per la sua memoria .

“Non sto affrontando molto bene questo lutto, è difficile per me. Darei qualsiasi cosa per passare un altro giorno con lei.”

Daisy è stata la prima figlia di Jordan e dice che non vedeva davvero l’ora di avere la sua piccola famiglia con Charlotte.

Il 24enne ha dichiarato: “È stato un momento devastante e non lo augureresti a nessuno. È stato incredibilmente difficile. Tutto quello che ho sempre desiderato era la mia piccola famiglia e questa è stata una grande perdita per me, era la mia prima figlia.

“Ero così felice e poi ci hanno detto che avrebbe avuto la sindrome di Down, ma io e Charl abbiamo detto che non ci saremmo arresi. Invece ha avuto un problema al cuore e ha combattuto per nove settimane.

“Siamo stati con lei ogni giorno fino al funerale. Non volevamo lasciarla andare.”

Per il funerale della bambina, la famiglia ha deciso di effettuare una passeggiata commemorativa posando un fiore ad ogni miglio della sua memoria.

Le amiche di Charlotte Jess Ellis e Charlotte Frost hanno organizzato la passeggiata dalla casa della famiglia Norton sabato 31 agosto.

Una vita corta e difficile per la piccola Daisy, ma sono sicura che adesso si troverà molto meglio lassù, Condividi per mandare preghiere alla famiglia!