Bimba di due anni inizia a diventare blu in viso sputando sangue – Muore qualche ora dopo per una cosa presente in tutte le nostre case

Perdere un figlio è qualcosa che nessun genitore dovrebbe attraversare.

Non importa quanti anni abbia un bambino: sopravvivere alla morte della propria figlia o del proprio figlio è sicuramente il peggior incubo di qualsiasi genitore.

Non riesco a immaginare come si siano sentite Stephanie e Brian, genitori di Tulsa, in Oklahoma, seduti in un’ambulanza con la figlia Brianna. Si precipitarono in ospedale nel mezzo delle celebrazioni natalizie di qualche anno fa.

Il viso della bambina di 2 anni divenne improvvisamente blu e iniziò a vomitare sangue.

Brianna fece subito un intervento chirurgico, ma tragicamente non sopravvisse. Il colpevole sarebbe una piccola batteria al litio ingerita.

Facebook / StephanieFlorer

I genitori di Brianna sentivano che c’era qualcosa che non andava nella loro figlia di 2 anni quando aveva la febbre nella mattina di Natale del 2015.

La febbre è un sintomo comune e i genitori non erano molto allarmati della cosa. Rimasero sbalorditi e capirono la gravità della situazione quando la faccia di Brianna divenne improvvisamente blu e cominciò a vomitare sangue.

Facebook / StephanieFlorer

La piccola è stata trasportata in ambulanza all’ospedale dove ha subito subito un intervento chirurgico. 
Ma era già troppo tardi.

“L’operazione è durata due ore, ma non sono riusciti a fermare l’emorragia”, ha detto il nonno Kent Vice al Daily Mail.

Wikipedia

A Brianna è capitato di aver ingerito accidentalmente una piccola batteria, appena più grande di una moneta da 10 centesimi.

Questa batteria in miniatura si trova in molti oggetti di uso quotidiano a casa. Si trovano spesso nei telecomandi, negli orologi e nelle chiavi dell’auto. Ci sono casi in cui i bambini li hanno ingeriti senza gravi conseguenze: la batteria passa semplicemente attraverso il corpo e la espellono quando vanno in bagno. 
“Può essere fatale per i bambini piccoli se la batteria si blocca nell’esofago”, ha dichiarato il dott. Toby Litovitz a The Oklahoman.

Ma se la batteria rimane bloccata, potrebbe iniziare a divulgare acido nel corpo e portare alla morte.

Nel caso di Brianna, l’acido nella batteria ha causato gravi danni all’esofago in cui si era depositata.

Facebook / StephanieFlorer

I genitori di Brianna non sapevano come o quando la figlia avesse inghiottito la batteria, ma i medici stimarono che l’incidente si verificò circa 6 giorni prima della sua morte.

Ora la famiglia sta lavorando attivamente per avvertire gli altri dei pericoli di queste piccole batterie. Stanno anche facendo una campagna via Facebook.

“Penso che queste batterie dovrebbero essere rimosse da tutte le case. Sono pericolose “, dice il nonno di Brianna.

Facebook

Secondo il Daily Mail, ci sono circa 12.000 casi di bambini che hanno ingoiato batterie tra il 2005 e il 2014. 
15 di questi hanno perso la vita.

È quindi importante prestare molta attenzione a queste batterie e assicurarsi che i bambini piccoli non possano accedere a nessun luogo in cui le si conservano.

Facebook

Ci vuole solo un secondo perché un bambino ingerisca qualcosa di pericoloso, causando talvolta danni irreparabili.

Se sospetti che tuo figlio abbia ingerito una batteria, osserva innanzitutto come reagisce.  Se il bambino ha difficoltà a respirare o vomitare – vai direttamente in ospedale.

Se il bambino non ha sintomi, puoi aspettare e vedere se la batteria si scarica. Se la batteria non si scarica entro due giorni o se ci sono sintomi, portare il bambino da un medico.

Facebook / TessMaune

Sebbene il dolore che i genitori di Brianna abbiano provato sia inimmaginabile, entrambi stanno cercando di educare il pubblico e portare alla luce questo silenzioso assassino. Non ho potuto fare a meno di condividere questa storia con tutti voi: non voglio che accada a qualcun altro!

Insieme, possiamo sperare di aumentare la consapevolezza e rendere la morte di Brianna un avvertimento.