Bimba di 21 mesi aveva sonno, la madre la portò a letto ma non riuscì più a svegliarsi – La ragione ti gelerà il sangue

Una mamma con il cuore spezzato ha raccontato come la sua bambina di un anno è morta nel sonno dopo averle dato la buonanotte.

Poppy Neighbor, che aveva 21 mesi, improvvisamente perse la vita a causa della Peliosi epatica, una malattia del fegato che è incredibilmente rara nei bambini.

“Non era malata, era solo una bambina piccola”, ha detto la mamma devastata Rachel.

“Andò a letto come di consueto, aveva un piccolo insetto alla pancia, ma era tutto normale. Mi ha dato un bacino e diverse ore dopo mi accorsi che era appena morta nel sonno.”

Plymouth Live racconta come Rachel, che ha altri due figli, stia facendo una campagna per sensibilizzare sulla Peliosi epatica dalla morte di Poppy a febbraio di quest’anno.

Poppy’s Garden è stato creato a West Hoe Park, Plymouth, nell’ambito di El Luke’s Big Parade, un evento di beneficenza.

La famiglia di Poppy ha fatto costruire un elefante dai colori vivaci come parte di un evento di beneficenza a Plymouth (Immagine: PlymouthLive / WS)

L’elefante dai colori vivaci lungo il sentiero è stato creato per evidenziare la tragica storia di Poppy.

Rachel, di Milton Keynes, nel Buckinghamshire, ha dichiarato: “Era uno dei soli cinque bambini al mondo ad averlo [Peliosis Hepatis] e due di loro erano in una lista per un trapianto. Poppy non aveva mai avuto problemi al fegato, quindi noi siamo stati lasciati senza una spiegazione – non aveva febbre o altro, non c’era nulla che indicasse che qualcosa non andava. Anzi ero contenta che dormisse.”

Il giardino di Poppy, che presenta un elefante, è una vivace area di fiori e piante (Immagine: PlymouthLive / WS)

Poppy’s Garden è stato realizzato dall’artista Yvonne Coomber: i suoi paesaggi marini da sogno, i prati aggrovigliati e le foreste magiche sono conservati in collezioni private e pubbliche di tutto il mondo.

Che storia terribile, sopratutto quando sai di avere una figlia prettamente in salute e perderla subito dopo un semplicissimo sonno

Condividi questa storia per sensibilizzare il pubblico su questa orribile malattia!