Bere caffè sei ore prima di andare a dormire provoca disturbi del sonno

E’ un dato certo, il caffè è la bevanda più amata dagli italiani al punto che molti hanno l’abitudine di berlo anche prima di andare a dormire, ma questo ha conseguenze sul sonno? A quanto pare si.

tazza-di-caffè

Bere il caffè poco prima di andare a dormire può creare problemi durante il sonno, lo ha affermato un recente studio scientifico statunitense che ci fa sapere che bere il caffè prima di andare a letto può non farci riposare bene e che andrebbe evitato a partire dalla tre alle sei ore prima.


La ricerca è stata portata avanti dal personale dell’Henry Ford Sleep Disorders and Research Center, che testato gli effetti della caffeina su 12 adulti in buone condizioni di salute: per il test sono stati assunti 400 milligrammi che equivalgono a 2-3 tazzine, in diversi momenti prima di andare a dormire.

Il risultato? Chi aveva assunto il caffè nelle sei ore precedenti al sonno aveva disturbi e non riusciva a dormire bene, prova della relazione tra l’orario e il caffè.

Insomma, il caffè è una bevanda squisita e a volte non ne abbiamo mai abbastanza ma ricordiamo che troppa caffeina fa male e che il momento ideale per berne una tazza è al mattino presto o a metà pomeriggio.

I risultati di questo studio sono stati poi pubblicati sulla rivista Journal of Clinical Sleep Medicine.