Bambino decapitato dopo un incidente, un’operazione miracolosa lo salva

Jackson Taylor, bimbo di 16 mesi stava seduto nel suo seggiolino in auto con la madre Rylea e la sorella di 9 anni, quando un auto che viaggiava a più 100 all’ora in una strada urbana gli è venuta addosso, causando un terribile incidente frontale.

La mamma, grazie all’airbags, non si è fatta nulla, ma capisce subito che le condizioni del piccolo sono gravissime, fortunatamente viene subito soccorso e portato in ospedale.

La diagnosi è terribile: prima e seconda vertebra del bimbo rotte, essendo quelle che collegano la scatola cranica alla clavicola, significava che la testa non era più collegata alla spina dorsale, insomma, aveva subito una decapitazione interna.

298796

Il dottor Geoff Askin, capo del reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Brisbane, nella regione australiana del Queensland, è famoso per essere uno dei padri della chirurgia spinale, ha immediatamente operato il piccolo con un operazione di sei ore.



E’ stato usato un filo chirurgico per riattaccare le vertebre che sono state innestate con una parte dell’osso di una costola del bambino.

Si è trattata di un’operazione miracolosa, altri bambini non sarebbero sopravvissuti ad un incidente del genere o non sarebbero più riusciti a muoversi o a respirare da soli. Il bambino si sta riprendendo molto bene, dovrà indossare l’halo per un paio di mese, un tutore che ancora testa e busto in modo che la guarigione possa avvenire al meglio.

L’halo è un pò scomodo ma gli garantirà una vita normale. Intanto il padre ha dato vita ad una raccolta firme per una petizione affinché vengano inasprite le pene per guida spericolata. Infatti, il ragazzo che era alla guida, insieme a due amici, sarà punito solo con una breve sospensione della patente e una multa.

Fonte