Bambina di 3 settimane muore a causa di una “dimenticanza” del padre – Adesso la famiglia vuole avvertire tutti i genitori del mondo

Quando Jeff e Natasha hanno scoperto di aspettare una bambina, la loro gioia era palpabile.

Quando arrivarono ad accoglierla nel nostro mondo – la piccola di nome Mallory – Avevano grandi progetti per la loro famiglia, piani che furono tragicamente deragliati quando Mallory morì dopo appena tre settimane di vita.

I medici sono rimasti scioccati quando ha sviluppato la febbre, Jeff e Natasha sono stati costretti a vederla mentre le sue condizioni si peggioravano sempre più. Ora, hanno un avvertimento per tutti i genitori su un problema evitabile, ma potenzialmente fatale.

Facebook / Jeff Gober

Nella sua prima settimana di vita, Mallory ha sviluppato una febbre alta che ha lasciato confusi i professionisti della medicina. Non era stata esposta a nessuno che fosse visibilmente malato, rendendo difficile diagnosticare qualsiasi cosa.

Fu solo quando le vesciche iniziarono ad apparire che i medici capirono che si trattava della contrazione di herpes, nella forma del virus HSV-1. A quel punto, comunque, le medicine che le avevano somministrato erano troppo deboli per essere utili.

Facebook / Jeff Gober

Alla fine, Mallory morì. Jeff ha impiegato un mese per essere in grado di scrivere un post su Facebook su quello che è successo, con il suo unico scopo di educare gli altri genitori in modo che un simile destino non accada anche a loro.

Facebook / Jeff Gober

Sebbene i decessi infantili attraverso HSV-1 siano rari, è importante prendere le massime precauzioni quando si tratta di stare vicino ai piccoliche sono vulnerabili alle malattie. Dato che si ritiene che più della metà della popolazione mondiale abbia HSV-1 – con molti che non mostrano sintomi – è meglio prevenire che curare.

Lavati sempre a fondo le mani, prima di avere un qualsiasi contatto con il bambino. Potrebbe determinare la differenza tra la vita e la morte.

Aiutate Jeff e Natasha a diffondere il loro messaggio condividendo questo articolo su Facebook!