DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Gennaio 19, 2018

Redazione DonnaWeb

Bambina di 7 anni rapita, stuprata, uccisa e ritrovata in una discarica (FOTO)

I manifestanti nella città pakistana di Kasur sono scesi in strada per il terzo giorno consecutivo per lo stupro e l'omicidio di Zainab Amin, di 7 anni, il cui corpo è stato scoperto su una pila di spazzatura questa settimana, alcuni giorni dopo essere stato segnalato come disperso.

Il Pakistan Today ha riferito che la polizia ha arrestato tre sospetti nel caso, ma l'uomo che ha visto condurre Zainab nel video di sorveglianza dato alla polizia dalla famiglia rimane in libertà. Domenica scorsa, le autorità hanno rilasciato uno schizzo dell'uomo che ritengono abbia scelto lei. Si dice che il sospetto abbia tra i 30 ei 35 anni.

Ricostruzioni

Pubblicità

È possibile che fosse morta da due o tre giorni prima di essere trovata nella spazzatura a 100 metri da casa sua, martedì, ha detto Atique. I genitori di Zainab erano fuori dal paese in pellegrinaggio quando la loro figlia fu rapita e stava con sua zia e suo zio.

È stata sepolta giovedì nel cimitero ancestrale a Road Kot.

Ma questa è solo una parte della storia

La polizia dice che Zainab è la nona ragazza ad essere aggredita sessualmente e l'ottava ad essere uccisa negli ultimi due anni dallo stesso serial killer del distretto di 2 km a Kasur, in Pakistan, a circa 30 miglia da Lahore, la capitale della provincia del Punjab in Pakistan . L'unico sopravvissuto è attualmente all'ospedale, ha riferito il portavoce del governo del Punjab Malik Ahmad Khan alla  CNN Sunday.

I funzionari stanno aspettando i risultati del DNA per confermare. Tre ragazzi sono stati anche violentati e uccisi nel distretto nello stesso periodo, secondo Khan. Ma questi casi non sono collegati al serial killer o tra loro.

Inizialmente, i funzionari hanno detto che Zainab è stata la dodicesima vittima a essere violentata e uccisa a Kasur, in Pakistan, in due anni. I dettagli sopra sono stati confermati domenica.

 Secondo l'agenzia di stampa australiana ABC , Eman Fatma, 4; Fauzia, 11; Noor Fatma, 7; Ayesha Asif, 5; Laiba, 9; Sana Omar, 7; e Kainat Batool, 8 anni, queste sono le vittime passate.

Il serial killer ritenuto responsabile è anche il centro di una caccia all'uomo che coinvolge centinaia di funzionari delle forze dell'ordine,  ha detto la polizia . Almeno 90 potenziali sospetti hanno testato il loro DNA.

"Negli ultimi due anni viviamo nella paura, i genitori hanno paura di mandare i loro figli fuori", ha detto ai giornalisti il ​​padre di Zainab, Muhammad Amin Ansari.

Mumtaz Gohar, dell'agenzia di stampa pakistana Sahil, ha dichiarato a  The Express Tribune che nel 2017 ci sono stati un totale di 129 casi di assalto minorile segnalati da Kasur. Trentaquattro sono stati rapimenti, 23 sono stati stupri, 19 hanno coinvolto sodomia, 17 sono stati tentati stupri, sei rapimenti e stupri, e quattro rapimenti di gruppo.

Nel 2015, un'indagine sul distretto di Kasur ha portato alla luce un importante scandalo di abusi sessuali su minori che coinvolgono fino a 25 uomini che hanno ricattato i bambini a fare video di sesso tra il 2009 e il 2014, secondo la  CNN .

La commissione nazionale pakistana  per i diritti umani ha affermato di aver pubblicato un rapporto sugli abusi su minori diffusi a Kasur in seguito allo scandalo del 2015, ma i suoi risultati sono stati ignorati dal distretto.

I manifestanti hanno inondato le strade mercoledì e giovedì dopo la morte di Zainab questa settimana, molti si sono arrabbiati per il fatto che le autorità della provincia del Punjab hanno fatto poco per tenere al sicuro i loro figli. I residenti hanno cantato: "Vogliamo che i responsabili siano consegnati alla giustizia", ​​ha riferito la ABC.

Ma le proteste sono diventate rapidamente violente. Alcuni manifestanti hanno incendiato veicoli, distrutto edifici e almeno due persone sono morte in scontri con la polizia.

#JusticeForZainab

Giovedì, l'hashtag  #JusticeForZainab si è diffuso online quando gli utenti di Twitter in tutto il mondo hanno espresso indignazione e richiesto giustizia. Alcune foto e video condivisi di 7 anni.

fonte:http://www.ajc.com/

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram