Attività extrascolastiche: rischiano di creare bambini stressati e stanchi

I bambini di sei anni sono molto stressati, a quanto pare l’ansia dei genitori di farli forzatamente partecipare ad attività extrascolastiche li priva anche solo di un’ora libera la giorno per giocare con gli amichetti

bambino-a-scuola

Ma tra la scuola, i compiti da fare, lo sport e le varie attività, i bambini ne escono stanchi e stressati; la psicologa per l’infanzia Giorgiana Ciocci ha avvertito i genitori dicendo che anche se da un lato è buono che i piccoli si tengono impegnati, dall’altra si rischia di eccedere e di portargli elevati livelli di stress. Questo può portare all’insorgere di paure, modi aggressivi e stanchezza che possono intaccare il rendimento scolastico.

Infatti, essere impegnati costantemente comporta un impegno non indifferente ed influisce sul sistema mente-corpo e sui processi cognitivi, soprattutto sulla concentrazione e sull’attenzione.

LEGGI ANCHE: I CONSIGLI DELLA PSICOLOGA PER AFFRONTARE MEGLIO LE FATICHE SCOLASTICHE


I bambini devono avere del tempo libero e decidere come trascorrerlo e con chi: “E’ importante lasciare i propri figli liberi di scegliere come passare il tempo a disposizione e non pretendere che assecondino ritmi frenetici o mille attività come se fossero già adulti.”

Molto spesso la colpa è comunque dei genitori che si lasciano prendere dal loro ego e vogliono vedere il proprio figlio primeggiare in qualcosa, questo fa si che il piccolo possa avere problemi di autostima e ansia da prestazione futura.

LEGGI ANCHE: ATTENZIONE AL PESO DELLO ZAINO, MOLTI BAMBINI SOFFRONO DI LOMBALGIA

L’amore per un figlio deve essere sempre incondizionato, i desideri passati di un genitore non devono per forza coincidere con quello dei figli, i quali hanno diritto di scegliere i propri sogni.

Ricordiamo che i nostri figli vanno lasciati liberi di fare le proprie scelte, di prendere la strada che ritengono migliore per la propria vita senza imporci, ma standogli accanto nei momenti di bisogno.