All’età di 17 anni non ha ancora avuto il ciclo, va dal ginecologo e fa una scoperta agghiacciante

Si chiama Joanna Giannouli, ha 27 anni e ha la sindrome di Rokitansky, una rara condizione congenita che l’ha fatta nascere senza utero, né cervice uterina né vagina.
La ragazza, però, non si è mai accorta di nulla fino a quando, a 17 anni, preoccupata per non aver ancora avuto il primo ciclo, si reca  a fare una visita di controllo da un ginecologo e scopre la verità. Quando il medico la visita, si rende conto che la ragazza non ha il tunnel vaginale, così le suggerisce di rivolgersi a uno dei migliori chirurghi al mondo, uno dei pochi in grado di costruirgliene uno.
La sindrome di Rokitansky, che affligge una donna su 5.000, è una rara condizione che colpisce dalla nascita. Le bimbe nascono con un utero poco sviluppato o assente, senza vagina ma con le ovaie e con l’organo genitale formato solo al suo esterno, con tanto di peli pubici.

La ragazza si è sottoposta ad un’operazione molto delicata, lunga e dolorosa, ha avuto bisogno di farsi operare di nuovo a distanza di un mese dall’intervento per allargare l’entrata che era troppo stretta e piccola, dopo l’operazione si  sentiva abbastanza bene ma psicologicamente era distrutta anche per il trattamento da parte del suo ex. Infatti Joanna era fidanzata da un pò di tempo e si sarebbe dovuta sposare a 21 anni ma quando il futuro marito ha scoprì il problema che l’affliggeva, la lasciò senza pensarci troppo su.


Così la ragazza si è ritrovata depressa, in preda ad attacchi di panico e sentendo in una condizioni d’inferiorità. Dopo l’operazione sono passati ora ben dieci anni e Joanna si è ripresa completamente anche se le è costato parecchia fatica. Ha spiegato al compagno la sua condizione e lui ha deciso di stare con lei perchè la ama davvero.

‘’Mi piacerebbe diventare madre, prima o poi. Ma madre non è solo colei che dà alla luce un bimbo, madre è colei che se ne prende cura’’, ha spiegato. E ha ragione. Dopo questa storia, siamo sempre più consapevoli di una cosa: le persone coraggiose come Joanna sono quelle che possono cambiare veramente il mondo.

fonte: caffeinamagazine.it