DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Dicembre 5, 2019

Redazione DonnaWeb

Adolescente rischia un occhio dopo che un compagno gli lancia la matita

Le alterazioni in classe sono un punto fermo di quasi tutte le scuole di tutto il mondo. I bambini sono sempre bambini, il che significa che possono verificarsi discussioni verbali o fisiche sotto la sorveglianza anche degli insegnanti più severi.

Un sottoprodotto naturale di ciò è che di tanto in tanto si verificano incidenti e lesioni, come ha scoperto una ragazzina di 13 anni quando si è accorta di avere una mina di matita infilata nel bulbo oculare. Si dice che un compagno di classe le abbia lanciato la matita dall'altra parte della stanza.

Secondo i rapporti del Daily Mail , la vittima non sapeva nemmeno che fosse nei suoi occhi fino a quando un amico non glielo fece notare. È stata portata di corsa al Royal Eye Hospital di Manchester, in Inghilterra, per un intervento di emergenza.

Operazione delicata

Pubblicità

I medici hanno lavorato ampiamente per prendere entrambe le parti della punta dall'occhio destro. Uno dei pezzi era a pochi millimetri dalla sua retina, il cui danno poteva causare cecità permanente.

I medici stanno ora sollecitando insegnanti, genitori e bambini a essere consapevoli dei pericoli associati al lancio di oggetti in classe.

L'adolescente senza nome in questo particolare caso inizialmente ha lottato per guardare direttamente la luce. Si dice che ora si sia ripresa completamente.

Dell'incidente, ha ricordato: “All'inizio non avevo realizzato cosa fosse successo fino a quando il mio amico non ha detto che avevo qualcosa nei miei occhi.

“Una parte della matita mi era passata negli occhi, cosa che doveva essere accaduta così in fretta perché non avevo davvero sentito nulla.

"Mi è stato detto che la punta della matita era a pochi millimetri dal causarmi cecità istantanea, quindi so quanto sono stata fortunata."

Wow! Questa ragazzina ha sicuramente avuto molta fortuna. Immagina di essere stata accecata da un'azione così stupida!

Condividi questo articolo per aiutare a diffondere il messaggio importante ad altri genitori, bambini e insegnanti.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram