ADDIO AGLI ZUCCHERI GRAZIE ALLA BETULLA E ALLA STEVIA

Riportiamo la lettera di una lettrice del sito Riza e la risposta che ha ricevuto dagli esperti.

Ci scrive una lettrice di Dimagrire, Eleonora: “Salve: vorrei vedermi in forma e scattante prima possibile. Ho finalmente cominciato ad occuparmi di me, iniziando anche a fare sport. Il mio peso oscilla sempre intorno ai 67-68 kg. Devo ammettere che non seguo una dieta: vuoi per un motivo, vuoi per l’altro, vuoi perché spesso le situazioni sociali mi portano a cenare fuori. Inoltre, ho appena rotto con il mio fidanzato. Questo complica tutto e tendo a riempire con il cibo il vuoto lasciato da lui, concedendomi un dolcetto in più o uno snack fuori pasto. Come potrei fare dal punto di vista alimentare in questo periodo? Inoltre soffro di gonfiore a gambe e caviglie: ho provato la betulla ma ha un terribile sapore amaro. Esiste un’alternativa? Grazie in anticipo!”.

stevia-herb-620x360La soluzione

Dopo un trauma affettivo molte donne cercano la consolazione nel cibo e negli zuccheri, quest’ultimi se raffinati e se mangiati fuori pasto, possono avere effetti deleteri sulla linea.


Dal punto di vista alimentare ci sarebbe da approfondire con che tipo di dolce la lettrice colma i vuoti affettivi: se mangia un dolce la sera converrebbe fare un pasto a base di sole verdure non condite con olio e proteine: carne e pesce magro. Se il desiderio di dolce arriva dopo i pasti allora meglio fare uno spuntino con una barretta di soia ricoperta con uno strato sottile di cioccolato.

C’è da ricordare che il “vuoto” ha anche la funziona di rinnovare e depurare il corpo e l’anima, quindi riempirlo con del cibo potrebbe non migliorare le cose. La betulla andrebbe benissimo come rimedio naturale, si può assumere come tisana con un dolcificante a zero calorie e sotto forma di linfa, bastano 30 gocce per 3 volte al giorno in acqua.

La betulla

Questo albero ha origine nelle selve russe, si usano le foglie per l’infuso e la linfa, ottenuta incidendo i tronchi: ricca di betulina ha un’elevata attività antinfiammatoria e di straordinarie proprietà diuretiche e depurative.

Se la tisana sembra amara per via del sapore della betulla si può aggiungere la stevia, una pianta dalle foglie molto dolci che viene ancora molto utilizzata oggi per sostituire gli zuccheri raffinati. Le sue foglie contengono lo stevioside, e il rebaudioside A, due principi attivi molto più dolci del saccarosio, per questo motivo viene usata molto per dolcificare le tisane senza assumere calorie e in modo del tutto naturale.

FONTE