A 10 anni rimane paralizzato dopo aver mangiato l’hamburger contaminato in vendita da una nota catena di supermercati

Un ragazzo ha mangiato un hamburger contaminato di Lidl è morto otto anni dopo a causa di serie complicazioni.

Nolan Moittie è stato ricoverato in terapia intensiva sabato mattina quando il suo cuore ha smesso di battere.

Nel giugno 2011 all’età di soli 23 mesi era uno dei 15 bambini nella regione dell’Hauts-de-France ad ammalarsi per aver mangiato carne contaminata con E. coli.

La malattia lo lasciò paralizzato per la vita, privandolo della capacità di camminare, parlare e persino mangiare.

Nolan è stato anche gravemente disabilitato mentalmente, avendo sviluppato sequele neurologiche da una precedente malattia.

Otto anni dopo aver mangiato l’hamburger, è morto in ospedale all’età di soli dieci anni.

Nolan è morto in ospedale sabato (Immagine: BFMTV)

Gli altri bambini colpiti dall’infezione hanno sviluppato condizioni che hanno creato seri problemi ai loro reni.

Sei anni dopo che lo scandalo E. coli divenne noto al pubblico, i leader di Seb-Cerf, che commercializzava le carni congelate responsabili, furono processati nella città di Douai, nel nord della Francia.

L’ex capo della compagnia, Guy Lamorlette, è stato mandato in prigione per tre anni dopo essere stato dichiarato colpevole di non aver effettuato controlli adeguati sulla carne.

All’udienza di febbraio, il 78enne ha puntato il dito sulla colpa a Laurent Appere, l’ex responsabile della qualità dell’azienda che è morto poco prima dell’inizio del processo.

Si dice che Lamorlette stia considerando un appello.

L’avvocato di famiglia di Nolan, Florence Rault, ha detto a Le Parisien: “Spero che la persona responsabile di questa tragedia abbia la decenza di ritirare il suo appello per motivi di legge.

fonte: the mirror