35 enne muore per aver bevuto oltre 4 bevande energetiche al giorno

Le madri sanno sempre cosa è meglio per i loro figli. Allora perché non ascoltiamo sempre i consigli che ci danno su certe cose?

Quando Shani Clarke vide suo figlio di 35 anni, Michael Clarke, mentre puliva il suo camion, si lamentò quando vide numerose lattine di bevande energetiche , ma lui la ignorò e quella fu la fine della conversazione.

Settimane dopo, l’autista del camion è crollato nel suo veicolo. Aveva subito un infarto e in seguito si è stabilito che era stato causato da avvelenamento da caffeina.

Non posso dire il dolore che sentivo in quel momento, il mio cuore è caduto a terra e piangeva disperatamente, ” ha scritto la madre Shani su Facebook .

Durante le settimane precedenti alla morte di Michael, nel gennaio 2014, Madre Shani ha realizzato l’assunzione eccessiva di caffeina da parte di suo figlio.

Stavo pulendo il suo camion e ho visto che aveva una manciata di lattine grandi e come madre gli ho detto ‘Spero che tu non ne stia bevendo troppe in una volta‘, ma ha annuito solo come se noi madri non sapessimo nulla, alla fine mi sono disinteressata, evidentemente ho fatto male a non insistere “, ha detto Shani.

Fu dopo la sua morte che la madre iniziò a capire le cose. Poco prima della sua morte, suo figlio si era lamentato di indigestione, la madre ha detto a ABC News .

Il medico legale ha detto che l’indigestione sarebbe potuto essere confuso con un piccolo attacco di cuore“, ha detto la madre.

Ha anche capito che Michael ha acquistato quattro confezioni della bevanda energetica, che conteneva 160 mg di caffeina per lattina – la raccomandazione della FDA (amministrazione americana di alimenti e droghe) afferma che non dovresti consumare più di 400 mg al giorno – e poi ha bevuto diverse tazze di caffè quando è tornato a casa, ulteriori informazioni sulla caffeina qui.

Dopo la morte improvvisa di suo figlio, Shani voleva assicurarsi che le persone fossero a conoscenza dei possibili pericoli della caffeina. Ha creato un gruppo su Facebook, chiamato  Caffeine Toxicity Death Awareness Support.

Secondo The Epoch Times , i membri del gruppo discutono della loro dipendenza, mentre altri vogliono essere consapevoli del problema.

Tenta di salvare delle vite

Sebbene Michael sia morto nel 2014, Shani continua a lavorare sodo per informare le persone sui pericoli della caffeina. Nel 2018 ha avuto una conversazione con una donna che beveva Red Bull ogni giorno.

Le bevande energetiche possono essere molto pericolose se non consumate con moderazione o se miscelate con altri prodotti contenenti caffeina. È sempre meglio stare attenti quando si consuma caffeina e se ci si sente male, e meglio smettere immediatamente.

La morte di Michael era completamente evitabile.

Condividi questa storia in modo che gli altri scoprano i potenziali pericoli del consumo di troppa caffeina.