13enne uccide la sorella asportando il bambino non ancora nato e donarlo ad un altra donna – La vicenda lascia tutti scioccati

Con l’invenzione di Internet e la successiva introduzione dei social , è corretto affermare che la maggior parte di noi è esposta a molteplici notizie.

Tra tutte queste notizie, ci sono ancora quelle che lasciano le masse a bocca aperta, nel bene e nel male.

La storia recente sulla morte di Fabiana Santana lascia scioccati, ma per delle ragioni sbagliate.

Secondo il Daily Mirror , una tredicenne è stata arrestata dopo aver presumibilmente ucciso la sorella (Santana) e tagliato il suo bambino non ancora nato per donarlo a un’altra donna.

Si dice anche che la sospettata adolescente abbia annegato e lapidato a morte il figlio di sette anni di sua sorella, Gustavo, quando ha cercato di intervenire per proteggere sua madre.

Il rapporto del Mirror afferma che la ragazzina ha attaccato la sorella incinta con un coltello e una sbarra di ferro a Porto Velho, in Brasile. In seguito è stata arrestata quando il corpo di sua sorella è stato trovato in una fossa poco profonda il 21 ottobre. Il figlio di Santana è stato trovato a 100 metri di distanza dal luogo del crimine.

Parlando del caso, il capo della polizia Leisaloma Carvalho ha dichiarato: “Questo è un crimine che ha scioccato gli agenti di polizia più esperti perché ci sono prove sul fatto che sia premeditato”.

“L’adolescente ha ammesso di aver ucciso lei e suo nipote di sette anni.

E ci ha detto che ha gettato il nipote più grande Gustavo, incapace di nuotare, nel lago vicino, lapidandolo a morte.

Un piano sinistro

Secondo le indagini, si afferma che la sospettata di 13 enne aveva pianificato di dare il nascituro ad una donna 35 enne di nome Catia Rabelo, che aveva bisogno di un figlio quando aveva mentito al suo compagno di essere incinta.

Secondo i rapporti, il bambino è stato successivamente trovato nelle cure del figlio quindicenne di Rabelo. È stato portato in ospedale ed è in condizioni stabili nonostante le circostanze della sua nascita.

Da allora la Rabelo è stata rintracciata, avendo inizialmente abbandonato la scena. Ora si dice che abbia confessato di aver incitato i bambini a prendere parte del suo piano atroce.

Il mondo continua a riempirmi di terrore e incertezza ogni giorno. Come si può uccidere volontariamente la propria sorella e poi tagliare fuori il bambino?

Condividi questo articolo per inviare preghiere a coloro che hanno perso la vita e per augurare a questo nascituro una vita sicura e felice tra le braccia di Dio.