Porta il fidanzato a casa per presentarlo ai genitori: dopo una settimana la madre scopre una foto e rimane scioccata

Il matrimonio è sacro, quando ti viene voglia di fare il grande passo significa che sei pronto a condividere la tua vita con quella persona speciale, rispettarla e amarla finché la morte non vi separi. Dopo che Heidi e Ed Savitt si sono sposati la scorsa estate, non hanno mai immaginato che qualcuno potesse intervenire nella loro bellissima relazione.

La coppia si era incontrata all’Università nel 2011 e dal primo momento in cui si guardarono l’un l’altro, si innamorarono perdutamente, subito dopo si resero conto che volevano passare il resto dei loro giorni insieme.

Ma in un’occasione c’è stato un evento che ha fatto tremare i due. La madre di Heidi conosceva i due giovani da più tempo di quanto avrebbero potuto immaginare.

 Youtube

Dopo essersi laureato all’Università di Newcastle, in Inghilterra, Heidi e Ed hanno avuto molte ragioni per festeggiare, principalmente il loro amore e in secondo luogo il successo che doveva venire.

L’università aveva dato loro il grande dono di conoscersi e di innamorarsi profondamente.


Youtube

Dopo che la coppia è andata via per quattro anni, erano finalmente pronti ad incontrare i genitori l’uno dell’altro. Quando tutti si ritrovarono a cena insieme, la madre di Heidi commentò una coincidenza curiosa; Quando Heidi aveva quattro anni, si era innamorata di un ragazzino di nome Ed.

Il soggetto era stato solo così, come un divertente aneddoto. Ma 7 giorni dopo Kay guardò una vecchia foto che avrebbe cambiato il pensiero che aveva su suo genero.

Youtube

La madre di Kay Heidi aveva trovato una vecchia foto di sua figlia accanto al ragazzo di nome Ed  di cui si era innamorata da bambina. L’immagine era di una vacanza che avevano fatto in Turchia nel 1997.

La madre di Heidi riconobbe rapidamente Ed, apparentemente era lo stesso ragazzo con cui stava uscendo sua figlia.

Dopo che Kay ha trovato l’immagine, l’ha inviata a Heidi. Quando la guardò rimase scioccata, non poteva crederci!

continua a pagina 2