Donna incinta scatta foto con sciame d’api nella pancia: sei giorni dopo il parto, ha una rivelazione devastante

Le api sono creature intelligenti e sociali, anche se molte persone hanno paura di essere attaccate o punte da loro.

Tuttavia, per l’apicoltore Emily Mueller non c’è mai stata alcuna esitazione: adora queste piccole creature e se ne prende cura da quando suo padre le ha comprato un alveare da bambina.

Insieme a suo marito, Ryan, gestiva l’azienda di famiglia Mueller Honey Bee Removal.

Non passò molto tempo prima che diventasse nota come “L’ape sussurratrice”, o l’ape mellifica. QUOTA TWEET

Quando Emily Mueller rimase incinta, decise di scattare foto che mostravano i due tesori della sua vita. Voleva mostrare la sua passione per le api e condividere foto della sua pancia in crescita.

Sfortunatamente, Emily aveva già avuto diversi aborti spontanei, ma questa volta la gravidanza è progredita senza intoppi. Ha assunto la fotografa Kendrah Damis per scattare alcune bellissime foto del suo meraviglioso momento.

Emily fece persino radunare uno sciame di api attorno al suo ventre.

E i risultati sono sbalorditivi – belli quanto pieni di sentimenti!

Immagini insolite si diffondono rapidamente sui social media ed Emily è diventata una celebrità dell’anno scorso.

Era sull’erba con il suo vestito bianco, raggiante e felice.

Tutto nelle foto sembra impeccabile e completamente normale, tranne per le 20.000 api che sciamano sul tuo ventre.

Emily si è assicurata che le api fossero state nutrite prima della sessione in modo che avessero meno probabilità di pungerla.

Per portare le api verso di lei, Emily teneva l’ape regina dentro un contenitore in mano.

Ha consultato il medico prima delle foto per assicurarsi che non ci fossero rischi per il bambino.

Notizie devastanti

Alla fine della sessione, Emily e Ryan iniziarono a prepararsi all’arrivo del nascituro.

Ma a novembre del 2017, Emily ha avuto alcune notizie devastanti che hanno spezzato il cuore di tutti. Sfortunatamente, ha avuto un altro aborto spontaneo.

“Gesù ha deciso che aveva bisogno del suo apicoltore e ha riportato il nostro prezioso figlio, Emersyn Jacob, in paradiso con lui”, ha scritto Emily in un post di Facebook .

Giovedì, prima del tragico incidente, Emily era impegnata a prendersi cura degli altri suoi tre figli.

Poi sentì delle contrazioni molto peggiori di quelle vissute con gli altri suoi figli. Notò anche che il bambino si stava muovendo molto meno di prima.

“Intorno alle 2:30 del mattino mi sono svegliata ed ero completamente turbata dalla mancanza di gomiti e ginocchia che sentivo in precedenza”, dice Emily.

Terrorizzata, svegliò Ryan e gli chiese di aiutarla a sentire il battito del cuore del bambino.

“Abbiamo concordato che se non avessimo sentito di nuovo i calci, saremmo andati in ospedale la mattina.”

Molte donne in gravidanza tendono a sentirsi ansiose durante la gravidanza, non è affatto una rarità. Ma Emily non riuscì a scuotere i suoi cattivi pensieri.

Poi andarono in ospedale, sperando che avrebbero detto a lei e Ryan che era tutto un falso allarme.

“Pensavo davvero che saremmo stati mandati a casa con un sorriso che ci diceva di aspettare che arrivasse il nostro dolce Emersyn tra 6 giorni”, dice Emily.

“Ricordo ogni dettaglio”

Ma mentre l’infermiera faticava a trovare un battito cardiaco, Emily scoppiò a piangere.

In qualche modo sapeva già la terribile notizia che stava per ricevere. L’infermiera non riuscì a localizzare il battito cardiaco e chiamò il medico.

“Ricordo la sua presenza, la sua camminata, il modo in cui prese il gel dalla mano dell’infermiera, l’ecografia. Ogni dettaglio di quel momento sarà per sempre e non riesco a smettere di dimenticarlo ”, afferma Emily.

Non è ancora noto cosa abbia causato l’aborto.

Quando Emily diede alla luce il suo angioletto, non c’era nulla che potessero fare per lui. Il bimbo era bellissimo quando venne al mondo.

Dare alla luce un bambino morto è un trauma che non può essere descritto a parole. Nessuno dovrebbe passare una sciagura del genere.

Ma c’era un po ‘di luce in tutte le tenebre.

Grazie alle immagini uniche di Emily e delle api, la famiglia non ha dovuto soffrire da sola. Migliaia di persone hanno inviato i loro desideri alla famiglia e i loro messaggi hanno aiutato Emily ad alleviare il dolore.

Ora sta condividendo la sua storia per aiutare altre famiglie che hanno vissuto un trauma simile.

Nessuno di noi può passare la vita senza dolore. Ma perdere un figlio è davvero inimmaginabile.

Sono in lacrime leggendo la storia di Emily. È incredibilmente decisa di condividere la sua esperienza con il mondo. Niente può riportare indietro il tuo angioletto, ma spero che la tua storia possa aiutare gli altri che stanno attraversando un momento difficile.

❤️

Per favore, condividi le sue bellissime foto e la tua storia per rendere omaggio al piccolo Emersyn che ora è in paradiso