Consigli e dieta per le donne con fisico a pera

Avete una costituzione a pera e non sapete come comportarvi e quale dieta seguire? Niente panico, leggete i nostri consigli.Parliamo della costituzione a pera e di cosa vuol dire: un corpo con tale costituzione ha alcune caratteristiche ben precise tra cui le spalle di dimensioni giuste o leggermente più piccole, il seno della giusta grandezza e mai troppo grande, una vita sottile, dei fianchi larghi e sedere e cosce abbondanti.Pera-spiegazione1

Le donne con questa costituzione devono aver ben presente che col passare del tempo, l’ampiezza dei fianchi e del sedere potrebbe aumentare, soprattutto in presenza di gravidanze, allattamento e menopausa; circostanze, queste, che possono causare l’aumento dei depositi di adipe nelle zone più critiche, soprattutto se la persona è particolarmente sedentaria.

 Ma quanto è importante l’attività fisica in questa situazione?

 In questo caso l’esercizio fisico va fatto con molta attenzione e scrupolosamente, senza dimenticare la costanza nel tempo; l’ideale sarebbe una corsa, la bicicletta e il nuovo, tutte attività aerobiche che possono essere svolte in gruppo.

Buoni risultati si possono ottenere anche in palestra ma sotto la supervisione di un personal trainer che possa indicare gli esercizi specifici per modellare le parti del corpo a rischio di deposito grasso.

Qual’è la dieta migliore per le donne col fisico a pera?

La dieta deve essere molto varia, deve contenere alimenti freschi e quasi mai conservati, poiché in questi c’è un’alta concentrazione di sodio che fa accumulare liquidi nei tessuti ed una delle cause della cellulite. Inoltre, è fondamentale bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, scegliendo quella con residuo fisso a 180°C basso, intorno ai 50.

Quali sono i cibi che sarebbe meglio evitare?

Sicuramente sono da evitare i cibi ricchi di grassi saturi che si depositano facilmente sulle zone già predisposte all’accumulo di grasso, quindi salumi e formaggi possono essere consumati settimanalmente e con moderazione settimanalmente, così come un dolce ogni tanto.

Da evitare assolutamente il saccarosio, ovvero lo zucchero bianco, tenendo presente che il livello di zuccheri di cui ha bisogno l’organismo si trovano nel pane, nella pasta e nei cereali.

Attenzione agli snack fuori pasto, meglio portarsi dei contenitori con frutta e verdura, sono cose meno pratiche ma tagliano la fame.

Consigli per una giornata tipo:

A colazione bere una tazza di latte parzialmente scremato con cereali integrali, un frutto con una spremuta di agrumi, oppure una macedonia ai frutti di bosco. Meglio prodotti di stagione freschi, si alla frutta secca che, potrebbe rientrare nella colazione o in uno spuntino. Perché? Nella frutta secca si trovano grassi di origine vegetale che fluidificano il sangue, chi non conosce gli Omega 3?

A pranzo la carne va consumata per un massimo di 2-3 porzioni a settimana, meglio magra e di bovino, o carne bianca e di coniglio; il pesce va consumato tre volte a settimana, preferibilmente bollito, cotto al cartoccio, al vapore o alla griglia.Ok a pesci magri e pesce azzurro ricco di Omega 6, quest’ultimo da consumare con moderazione.

LEGGI ANCHE: LA DIETA METABOLICA, COME PERDERE FINO A 10 KG IN UN MESE

Carne e pesce si devono sempre accompagnare con una porzione di verdura cruda o cotta, ricca di sali minerali e vitamine.

La cena va fatta con una porzione di riso integrale con sugo di verdure fresche e olio extravergine di oliva, perfette anche le porzioni di legumi come ceci e lenticchie in insalata e un frutto di stagione.

Preferire sempre l’olio extravergine di oliva ad altri condimenti ad eccezione del burro che se mangiato in piccole quantità, è molto gradevole e da tanta energia.

E gli spuntini?

Delle belle macedonie fresche ai frutti di bosco sono perfette per stimolare la circolazione, l’ananas, invece, ha un effetto drenante, come spuntino va anche bene la verdura di stagione; la cosa importante è evitare snack e merendine.

RICORDATE CHE QUESTE SONO SOLO DELLE IDEE, SE SIETE INTENZIONATE A METTERVI A DIETA È FONDAMENTALE CHE VI RIVOLGIATE AD UN DIETOLOGO, IL QUALE POTRÀ CONSIGLIARVI E
SEGUIRVI DA VICINO, TENENDOVI SOTTO CONTROLLO ANCHE DAL PUNTO DI VISTA MEDICO.




SE TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO CONDIVIDILO SULLA TUA BACHECA

▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼